Auto: anteprime al salone di Ginevra, da Maserati il suv Levante - La notizia

Si alza il sipario su nuovi modelli. Ferrari lancia Gtc a 4 posti

01 Marzo 2016

Ginevra, - Ginevra apre le porte al salone dell'auto. Al Palexpo al via l'86esima edizione e i grandi costruttori mondiali sono pronti a sfidarsi con le ultime novità di tecnologia e design. Il motor show apre al pubblico il 3 marzo, dopo i due giorni dedicati alla stampa, e tra i protagonisti ci sarà sicuramente Fiat-Chrysler (Fca). Che si presenta in Svizzera con una serie di proposte per i diversi brand, a partire dalla Maserati con il suo primo suv Levante, che sarà prodotto a Mirafiori.Anche quest'anno sono circa 200 gli espositori, da 30 paesi diversi. Il gruppo guidato da Sergio Marchionne mette in mostra per il marchio Fiat la Tipo station wagon e la versione cinqueporte, mentre l'Alfa Romeo farà la sua parte con il restyling della Giulietta e della Giulia Quadrifoglio. Non lontano dagli stand Fca ci sarà la Ferrari, che lancia la Gtc4 Lusso, la nuova vettura a quattro posti erede della FF. Il gruppo Volkswagen arriva con il crossover compatto Audi Q2 e il primo suv del brand Seat, l'Ateca. General Motors risponde invece con la Opel Mokka X, Peugeot fa debuttare il Traveller e la Toyota alza il sipario su tre nuovi modelli.Negli 11 giorni del salone sono attese circa 700mila persone, richiamate dalle oltre 130 novità e anteprime mondiali previste. Per l'industria dell'auto c'è la speranza che l'interesse del pubblico possa tradursi in una spinta alle vendite, in una fase delicata per il settore. Dopo il dieselgate negli Stati Uniti e le indagini su diverse case automobilistiche, l'orizzonte è ancora denso di nubi e le nuove difficoltà per la crescita dell'economia mondiale rischiano di peggiorare lo scenario.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Nessun commento

Per scrivere un commento è necessario registrarsi oppure accedere con Twitter o Facebook: Loggati - Registrati

Dalla nostra HomePage
Brexit, i rappresentanti Uk sgraditi a Bruxelles

Londra temporeggia, ma Juncker vuole il divorzio rapido. Così i gli esponenti britannici dell'Ue si sentono di troppo. E arrivano le prime dimissioni.

prev
next