Calcio, al via il Campionato delle Nazioni Africane in Ruanda - La notizia

Tutto pronto nel Paese, il governo ha investito 20 mln di euro

15 Gennaio 2016

Roma, - Fischio di inizio per il Campionato delle Nazioni Africane che quest'anno viene ospitato in Ruanda, dal 16 gennaio al 7 febbraio. Sedici le squadre africane in lizza che si contenderanno il titolo del torneo riservato a squadre nazionali formate solo da calciatori che giocano nel campionato del Paese.'E' tutto pronto per questa quarta edizione del Campionato delle Nazioni Africane - dice uno dei vicepresidenti della Confederazione africana di Calcio, Almamy Kabele Camara - per far sì che questo torneo sia un successo, per il popolo ruandese e per tutta l'Africa'.'Le squadre sono praticamente dello stesso livello, puntiamo molto su questo per migliorare sempre più il livello di preparazione all'interno della nostra confederazione. È un grande lavoro che ha portato a dei risultati in tutto il continente, dove non ci sono più piccole squadre. Certamente ci sono alcune squadre grandi, ma non ci sono piccole squadre'.'La confederazione africana di calcio ha deciso di creare un nuovo torneo per incoraggiare i giovani a restare a giocare nel proprio campionato nazionale, dove poter esprimere i loro talenti. È questa l'importanza della competizione'.La prima edizione fu organizzata in Costa d'Avorio nel 2009 e vi parteciparono 8 squadre. A partire dal 2011 il numero delle squadre partecipanti è salito a 16. Il torneo si gioca a cadenza biennale, ad anni alterni rispetto alla Coppa africana.Il governo ruandese ha annunciato l'esenzione di diritti per i visti per i cittadini dei Paesi in gara. E numerose ristrutturazioni sono state effettuate nelle principali strade della capitale Kigali, ma anche a Huye, nel sud e a Rubavu, nell'est del Paese.Per la competizione, il governo ruandese ha speso circa 20 milioni di euro. Un grosso investimento per il rilancio del Paese che passa anche dallo sport.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

TAG: Sport

Nessun commento

Per scrivere un commento è necessario registrarsi oppure accedere con Twitter o Facebook: Loggati - Registrati

Dalla nostra HomePage
Isis, l'evoluzione della propaganda anti-Turchia

Nel 2016 sono già tre gli attentati attribuiti da Ankara al Califfato. Che però nega. Pur definendo Erdogan un «apostata». E paragonando Istanbul al Vaticano.

prev
next