Da spazzatura a arte, il museo creato da uno spazzino di New York - La notizia

Per 30 anni ha salvato dal macero migliaia di oggetti

12 Marzo 2016

New York - Decine di lampade, una selva di dipinti, ma anche vetrate di chiese, cravatte, bizzarre statue esotiche: tutti oggetti buttati nella spazzatura di New York trasformati in un tesoro da uno spazzino, Nelson Molina. Per 30 anni ha pulito le strade della città sempre con occhio curioso, salvando dalla distruzione moltissimi oggetti che ora ha raccolto in un museo ad East Harlem. Una collezione improbabile che si estende in uno spazio di oltre 1000 metri quadri.'Quando voi buttate la vostra spazzatura, che si tratti di un quadro o qualsiasi altra cosa, una volta che viene messa in strada appartiene alla città. Non si può prenderla e portarla a casa e rivenderla o cose del genere. Io ho preso l'abitudine di collezionarla e conservarla sul posto di lavoro, un giorno ho cominciato ad esporla...e questo è il risultato'.Un viaggio negli oggetti dimenticati, buttati, scomparsi che raccontano la storia di molte vite e anche in fondo la storia e l'evoluzione della città stessa.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

TAG: Esteri

Nessun commento

Per scrivere un commento è necessario registrarsi oppure accedere con Twitter o Facebook: Loggati - Registrati

Dalla nostra HomePage
Rouen, Augé: «Vi spiego la trappola simbolica dell'Isis»

Primo attacco a una chiesa. Dopo Charlie, Parigi e Nizza è una svolta simbolica. Augé: «I terroristi non riconoscono l'Europa laica, così ci fanno tornare indietro».

Mediaset, ora Berlusconi teme la scalata di Bolloré

Rottura tra il Biscione e Vivendi. Il Cavaliere sospetta una manovra dei francesi. Che sfrutterebbero la debolezza del titolo. Fermandosi prima della soglia Opa.

Napoli, il 'traditore' Higuain e quel coro ormai da ripudiare

Il Pipita va alla Juve. Napoli cancella il ritornello trash da stadio. Che il bomber cantava sotto la curva. Tornerà Ohi vita ohi vita mia? Storia di una disillusione.

Rouen, moschea salafita accanto alla chiesa

Il terrorista che ha sgozzato padre Hamel si sarebbe radicalizzato in rue Guynemer. La stessa via della parrocchia presa d'assalto. Le prime indagini a Saint-Etienne-du-Rouvray dopo la strage al Bataclan.

prev
next