Duplice omicidio a Palermo, nella notte fermata coppia coniugi - La notizia

Non c'è la mafia dietro morte di Vincenzo Bontà e Giuseppe Vela

04 Marzo 2016

Milano, 4 mar. -Palermo, 4 mar. - Non ci sarebbe la mafia dietro il duplice omicidio avvenuto nella mattinata di giovedì 3 marzo nel quartiere Falsomiele di Palermo. Nella notte infatti gli uomini della Squadra Mobilehanno fermato una coppia di coniugi residenti poco distante dal luogo dell'omicidio.A far stringere il cerchio attorno ai due, che erano stati condotti negli uffici della Mobile conpesanti sospetti, sono state le immagini di videosorveglianza della zona in cui è avvenuto il duplice omicidio. Nei video, in particolare, si vedrebbe l'auto della coppia passare sul luogodel delitto, per farvi ritorno pochi minuti dopo. Inoltre, a contribuire al quadro d'accusa contro i due, c'è anche il racconto di un testimone.Non sarebbe stata dunque 'Cosa nostra' ad armare i killer che ieri mattina hanno freddato a colpi di pistola Vincenzo Bontà, genero del boss Giovanni Bontade, e Giuseppe Vela, factotum diBontà. I due coniugi finiti in manette, che hanno sempre respinto l'accusa, hanno 52 e 45 anni, oltre alla passione per le armi. Ma cosa può aver spinto la coppia a compiere quella che è apparsacome una vera e propria esecuzione? Le piste seguite dagli inquirenti sono diverse. Tra queste quella legata a ragioni di vicinato, dal momento che i terreni della vittima confinavano con quelli dei presunti assassini.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

TAG: Cronaca

Nessun commento

Per scrivere un commento è necessario registrarsi oppure accedere con Twitter o Facebook: Loggati - Registrati

Dalla nostra HomePage
Marta Marzotto, storia di una Cenerentola pop

Ironica. Scoppiettante. Mai gattamorta. Marta Marzotto se n'è andata a 85 anni. Era un’anticonformista che amava alla luce del sole. Gli aneddoti della sua vita.

prev
next