I Big di Sanremo, Arisa: canto per la gente e mi ispiro a Mango - La notizia

La cantante in gara con "Guardando il cielo", titolo del disco

10 Febbraio 2016

Milano - Arisa torna in gara al Festival di Sanremo, dopo la parentesi da conduttrice e due vittorie alle spalle, con 'Guardando il cielo', brano che dà il titolo al suo nuovo disco: la canzone è stata scritta nel 2014 da Giuseppe Anastasi, con cui la cantante è tornata a collaborare. 'Credo molto nell'energia suprema dell'universo e la canzone dice 'Ho preso tutto da mia nonna, faccio una preghiera a Dio perchè è mia nonna che mi ha detto che Dio si chiama Dio', in realtà per me si chiama universo. Questo è un disco di fiducia, nel domani, nei rapporti, di costruzione, non è superficiale ma anzi molto profondo'.La cantante dice che vivrà il Festival in modo rilassato, l'obiettivo è di far sentire la sua canzone. 'Spero che possa entrare nella vita delle persone, perchè io alla fine canto per la gente, per tutti' ha detto.Nel disco Arisa parla del suo rapporto con la natura e dell'importanza di difendere il creato, in particolare in 'Gaia': un impegno per lei concreto a partire dai piccoli gesti quotidiani, come spostarsi in bicicletta o comprare abiti usati. 'Quello che ci circonda è un regalo. La gente non è libera di fare quello che vuole anche riguardo all'amore e magari non ci rendiamo conto che distruggiamo quello che Dio, o l'energia suprema, ci ha regalato'.Due canzoni del disco vedono Rosalba Pippa nel ruolo di autrice di parole e musica: 'Come fosse ieri', con le sue atmosfere quasi arabeggianti è ispirata al collega scomparso Pino Mango. 'La cosa che mi è sempre piaciuta molto di lui è la sua musica senza tempo e senza appartenenza e la sua vocalità che ne facevano un essere unico nel suo modo di fare arte' ha concluso Arisa.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Nessun commento

Per scrivere un commento è necessario registrarsi oppure accedere con Twitter o Facebook: Loggati - Registrati

Dalla nostra HomePage
Greco, un indipendente che piace al potere

Greco è il nuovo capo della procura milanese. Estraneo alle logiche correntizie, assicura continuità con Bruti Liberati. E accontenta (quasi) tutti. Renzi incluso.

prev
next