Il successo di Brodway "Next to normal" torna in scena in Italia - La notizia

Dopo anteprima a Novara lo spettacolo a Torino, Milano e Modena

04 Febbraio 2016

Milano - Dopo le anteprime di marzo 2015 al Teatro Coccia di Novara il musical 'Next to normal', uno dei maggiori successi di Broadway degli ultimi anni, torna in scena in Italia con nuove date: sarà al Teatro Colosseo di Torino il 19 e 20 febbraio, al Teatro della Luna di Milano il 26, 27 e 28 febbraio e il 19 e 20 marzo al Teatro Storchi di Modena.Nato nel 1998 come workshop di 10 minuti dal titolo 'Feeling Electric', 'Next to normal' 10 anni dopo è un successo a Broadway. La sua forza dirompente, moderna e innovativa è subito chiara: vince 3 premi ai Tony Award. L'anno seguente si aggiudica il premio Pulitzer 2010, diventando così l'ottavo musical della storia: l'ultimo era stato, nel 1996, 'Rent' diretto dallo stesso regista Michael Greif. Lo spettacolo non è tratto da libri o film di successo: è una drammaturgia originale, una piccola rivoluzione per il teatro musicale che il regista italiano Marco Iacomelli ha sposato attraverso Stm insieme ai co-fondatori Andrea Manara e Davide Ienco.La protagonista dello spettacolo è una tipica famiglia americana, i Goodman: i genitori Diana, interpretata da Francesca Taverni, e Dan (Antonello Angiolillo), i due figli adolescenti Gabe (Luca Giacomelli Ferrarini) e Natalie (Laura Adriani). Il cast si completa con il giovane Henry (Renato Crudo) e gli psichiatri, i dottori Madden e Fine, doppio ruolo interpretato da Brian Boccuni. Tra ironia e colpi di scena, si affrontano temi come la malattia e la cura, la ricerca della normalità e dell'equilibrio, insieme a disturbo bipolare, allucinazioni, elettroshock, psicofarmaci, lutti e il tentativo disperato di vivere una vita quasi normale, nonostante tutto, come recita il titolo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Nessun commento

Per scrivere un commento è necessario registrarsi oppure accedere con Twitter o Facebook: Loggati - Registrati

Dalla nostra HomePage
Libia, il risiko di Bengasi e della Cirenaica

Il no (dubbio) del parlamento di Tobruk al governo di unità complica gli scenari. Serraj perde consensi, Haftar guadagna terreno nell'Est. C'è il rischio scissione.

prev
next