La luce che estrapola: Marco Nereo Rotelli al Principe di Savoia - La notizia

Performance dell'artista per la nuova illuminazione dell'Hotel

05 Marzo 2016

Milano - La mano dell'artista si muove sullo schermo e disegna tracce di luce sulla facciata di uno dei più noti alberghi di Milano, il Principe di Savoia di Piazza Repubblica. La mano è quella di Marco Nereo Rotelli, noto per i suoi interventi su luoghi e architetture in tutto il mondo, chiamato dall'hotel a curare la nuova illuminazione della facciata dello storico palazzo.'Quello che qui secondo me è interessante - ci ha detto Rotelli - è che un albergo storico ha chiesto a un artista di riflettere sulla luce che ne illumina la facciata, perché chiaramente un artista parte da un altro punto di vista rispetto a un tecnico e dunque qui si sono unite due dimensioni: una dimensione della luce come sentimento e un sentimento della luce come possibilità tecnica di illuminazione. Due cose diverse che credo, nel loro risultato, danno una visibilità differente di una facciata storica come è il Principe di Savoia'.Per celebrare l'evento, Rotelli ha realizzato, sempre sulla facciata dell'hotel, una performance di luce e poesia, che ha trasformato una elegante zona di Milano in un palcoscenico dove si sperimenta un'arte che si fa luogo, toccando alcune delle corde più interessanti della riflessione sul contemporaneo. 'La luce - ha aggiunto Rotelli - non illumina solo, ma la luce estrapola la facciata da se stessa, diventa come una sorta di luogo della mente luminoso'.Per la facciata del Principe di Savoia, Marco Nereo Rotelli ha lavorato con uno staff di tecnici di ERCO per realizzare una concezione illuminotecnica complessiva bastata sul controllo dell'equilibrio compositivo tra la lettura del tutto e l'esaltazione delle parti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

TAG: Cultura

Nessun commento

Per scrivere un commento è necessario registrarsi oppure accedere con Twitter o Facebook: Loggati - Registrati

Dalla nostra HomePage
Terrore, la narcosi della coscienza ci può salvare

Nizza, Monaco, Rouen: ci abitueremo al male. E l'ossessiva ricerca di soluzioni risulta ripetitiva e inefficace. Successe già negli Anni 70. L'analisi di Lia Celi.

Napoli, il 'traditore' Higuain e quel coro ormai da ripudiare

Il Pipita va alla Juve. Napoli cancella il ritornello trash da stadio. Che il bomber cantava sotto la curva. Tornerà Ohi vita ohi vita mia? Storia di una disillusione.

prev
next