Mattarella a Ellis Island: qui realizzate milioni di speranze - La notizia

Così il presidente italiano visitando museo immigrazione a NY

12 Febbraio 2016

New York - Ad Ellis Island 'sono passate milioni di persone e si sono realizzate milioni di speranze'. Lo ha detto il presidente della Repubblica Sergio Mattarella visitando il celebre museo sull'immigrazione che si trova sulla piccola isola al largo di Manhattan, a New York.Nel corso della sua visita, Sergio Mattarella, si è più volte fermato a stringere la mano a turisti italiani che lo hanno riconosciuto e si è fatto avvicinare nonostante la massiccia presenza della sicurezza.Un percorso molto breve quello di Mattarella, guidato da un ranger, che lo ha portato a vedere la grande stanza in cui sono arrivati milioni di immigrati in fuga da carestie e persecuzioni.Il presidente poi ha fatto rientro a Manhattan via mare a bordo del normale traghetto che fa la spola con l'isolotto dove sono arrivati a partire dal 1864 e fino al 1954 12 milioni di immigrati, 4 milioni dei quali dall'Italia.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Nessun commento

Per scrivere un commento è necessario registrarsi oppure accedere con Twitter o Facebook: Loggati - Registrati

Dalla nostra HomePage
Rouen, Augé: «Vi spiego la trappola simbolica dell'Isis»

Primo attacco a una chiesa. Dopo Charlie, Parigi e Nizza è una svolta simbolica. Augé: «I terroristi non riconoscono l'Europa laica, così ci fanno tornare indietro».

Mediaset, ora Berlusconi teme la scalata di Bolloré

Rottura tra il Biscione e Vivendi. Il Cavaliere sospetta una manovra dei francesi. Che sfrutterebbero la debolezza del titolo. Fermandosi prima della soglia Opa.

Napoli, il 'traditore' Higuain e quel coro ormai da ripudiare

Il Pipita va alla Juve. Napoli cancella il ritornello trash da stadio. Che il bomber cantava sotto la curva. Tornerà Ohi vita ohi vita mia? Storia di una disillusione.

Rouen, moschea salafita accanto alla chiesa

Il terrorista che ha sgozzato padre Hamel si sarebbe radicalizzato in rue Guynemer. La stessa via della parrocchia presa d'assalto. Le prime indagini a Saint-Etienne-du-Rouvray dopo la strage al Bataclan.

prev
next