Pedofilia, una vittima: "Le mie due figlie morte per gli abusi" - La notizia

Anthony Foster piange per Katie e Emma

04 Marzo 2016

Roma, - E' a Roma per le sue bambine Anthony Foster, intervistato fuori dall'hotel Quirinale a margine dell'incontro fra il cardinale George Pell e le vittime australiane di abusi. Emma e Katie furono violentate dal loro parroco quando erano alle elementari. Emma è morta di overdose, Katie, divenuta alcolista, è paralizzata dopo un incidente stradale.'Questa era la mia famiglia perfetta... Noi l'avevamo creata. La Chiesa cattolica l'ha distrutta, perché non ha sorvegliato i suoi preti e ha permesso che dei bambini fossero violentati. Quanti casi sono? Migliaia, migliaia'.'George Pell era il vescovo ausiliare nella nostra zona ed era responsabile del prete che ha abusato le mie bambine'. 'No, non ho bisogno di vedere il Papa. Io rivoglio le mie bambine. La reazione della Chiesa dovrebbe essere l'umiltà, chiederci perdono, fare tutto quello che possono per risanare la vita di tutte le vittime che ci sono. Finora abbiamo solo parole. Abbiamo bisogno di azioni concrete e di tutto il peso della Chiesa impiegato per aiutare le vittime e perché non succeda di nuovo, questo vogliamo'.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

TAG: Cronaca

Nessun commento

Per scrivere un commento è necessario registrarsi oppure accedere con Twitter o Facebook: Loggati - Registrati

Dalla nostra HomePage
Isis, l'evoluzione della propaganda anti-Turchia

Nel 2016 sono tre gli attentati attribuiti da Ankara al Califfato. Che però nega. Pur definendo Erdogan un «apostata». E paragonando Istanbul al Vaticano.

prev
next