Riparte "Striscia la notizia" con Belén e Michelle Hunziker - La notizia

Da lunedì 26/09 la 29esima edizione del tg satirico di Canale 5

23 Settembre 2016

Milano - Sarà uno 'Striscia la notizia' con l'hashtag #girlpower. Almeno per la prima settimana, con Michelle Hunziker e Belén Rodriguez come presentatrici - da lunedì 26 settembre, ore 20 e 40 - del tg satirico di Canale 5. A Cologno Monzese è stata presentata la 29esima edizione del programma ideato da Antonio Ricci. Squadra e format che vince non si cambia e quindi, grazie a un successo costante nel tempo, nella nuova edizione non ci saranno grandi novità. 'Ci saranno chiaramente dei personaggi nuovi - spiega Ricci - Ballantini sta tentando l'imitazione di Orfini vestito da prete mentre Valeria Graci sarà la mamma della Raggi'.In plancia di comando, dopo Belen e Michelle, ci sarà tanto turn over: prima la Hunziker con Piero Chiambretti, poi con Ezio Greggio che alla fine ricostruirà la coppia storica con Enzo Iachetti. E a gennaio torneranno anche Ficarra e Picone.Ma l'inizio è affidato alle due bellezze straniere, da tanti anni italiane d'adozione. Su di loro le malelingue hanno detto che non si sopportano. 'Non è divertente se ci vogliamo bene', ha detto Hunziker 'Dobbiamo fare qualche litigio', ha aggiunto Rodriguez.Tra battute e siparietti, le due showgirl sono diventate serie quando è stato chiesto loro un commento sul caso di Tiziana Cantone, la ragazza suicida dopo che alcuni suoi video hard sono finiti in rete. 'Mi sono messa a piangere quando ho sentito la notizia. A me è successa la stessa cosa', ha confessato Belen.Secondo Hunziker, fondatrice di una onlus che segue le donne vittime di abusi e discriminazioni, bisogna fare prevenzione. 'Adesso coi social bisogna fare tre volte attenzione- ha detto - alle donne e alle ragazzine dico: non lasciate tracce di alcun tipo, neanche scritte perché oggi è veramente pericoloso'.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Il video

1 video
VIDEO

Riparte "Striscia la notizia" con Belén e Michelle Hunziker

Nessun commento

Per scrivere un commento è necessario registrarsi oppure accedere con Twitter o Facebook: Loggati - Registrati

Dalla nostra HomePage
prev
next