Sanremo, è il Festival dei cartoni: da Goldrake alla D'Avena - La notizia

Le voci dall'Ariston sulle preferenze di cantanti e artisti

13 Febbraio 2016

Sanremo - I cartoni animati sono protagonisti del 66esimo Festival di Sanremo: dopo la serata della cover, dove gli Zero Assoluto hanno cantato 'Goldrake', le sigle più amate sono anche in finale con Cristina D'Avena, ospite dell'ultima serata. Cantanti, conduttori, esperti e appassionati del Festival, tutti hanno un cartone animato preferito: dietro le quinte del Teatro Ariston Max Giusti, Nicola Savino, Dario Salvatori e Lorenzo Fragola raccontano il loro.'Si trasforma in un razzo missile coi circuiti di mille valvole, la sappiamo tutti a memoria, ma potrei andare più pesante: a me piaceva molto Napo orso capo che era in una caverna e aveva una moto immaginaria e parlava napoletano. Il fatto che si osasse mettere la voce in napoletano a un personaggio di Hanna e Barbera mi faceva impazzire' racconta il conduttore Max Giusti.'Alvin è un cartone straordinario perchè coniugava la musica dell'epoca, fine anni '50, con i cartoni che erano più basilari rispetto a quelli sofisticati di oggi ma comunque straordinari' dice Dario Salvatori.'Cosa c'era di Cristina D'Avena che mi piaceva? Tutti, erano tutte belle, potrei dire Kiss me Licia. So che piace a Elton John, è la sua preferita' scherza il conduttore del Dopo Festival, Nicola Savino.Lorenzo Fragola sceglie Leone cane fifone: 'Era quello più strano, un cartone sui cani che affrontava i mostri che faceva paura e mi ha sconvolto però era il mio preferito'.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Nessun commento

Per scrivere un commento è necessario registrarsi oppure accedere con Twitter o Facebook: Loggati - Registrati

Dalla nostra HomePage
Marta Marzotto, storia di una Cenerentola pop

Ironica. Scoppiettante. Mai gattamorta. Marta Marzotto se n'è andata a 85 anni. Era un’anticonformista che amava alla luce del sole. Gli aneddoti della sua vita.

prev
next