Siria, ad Aleppo regge la tregua ma si muore di sete - La notizia

Isis ha sabotato i pozzi d'acqua. Manca l'acqua nelle case

01 Marzo 2016

Aleppo - La tregua regge ad Aleppo ma i problemi per la popolazione restano. In molte abitazioni dell'ex capitale economica della Siria manca l'acqua corrente. Abou Yasser, come tanti altri, si arrangia come può. 'Abbiamo attaccato un tubo al pozzo di un vicino, a cento metri di distanza da casa - racconta - paghiamo 75 lire siriane al proprietario per un'ora. L'acqua non è potabile, ma siamo costretti a berla. Ci causa ascessi, malattie della pelle, prurito'Secondo gli abitanti di questo quartiere in mano ai ribelli a bloccare il flusso d'acqua sarebbe stato lo Stato islamico, che controlla vaste aree attorno ad Aleppo. 'Hanno chiuso i pozzi di Khafseh. Per questo le pompe sono ferme, se passasse l'acqua si riattiverebbero', spiega un impiegato dell'acquedotto.Si moltiplicano le code per riempire interi bidoni. Delle riserve sono state installate ad ogni angolo della strada. I tubi si allungano e si moltiplicano lungo le mura del palazzi per raggiungere le sorgenti d'acqua.'A volte delle persone hanno scavato vicino alle fogne - sopiega un uomo - è possibile che si siano infiltrati dei batteri. L'acqua non è per niente sicura, ma non c'è scelta'.Con l'arrivo della primavera e del caldo, la situazione rischia di generare. Proprio nel momento in cui la popolazione potrebbe festeggiare una tregua, seppur molto fragile.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

TAG: Esteri

Nessun commento

Per scrivere un commento è necessario registrarsi oppure accedere con Twitter o Facebook: Loggati - Registrati

Dalla nostra HomePage
Brexit, i rappresentanti Uk sgraditi a Bruxelles

Londra temporeggia, ma Juncker vuole il divorzio rapido. Così i gli esponenti britannici dell'Ue si sentono di troppo. E arrivano le prime dimissioni.

prev
next