Sordocecità, primo studio Istat: in Italia colpiti in 190mila - La notizia

La Lega del Filo d'Oro: Molti più di quanto si stimasse

25 Febbraio 2016

Roma, - In Italia le persone affette da qualche forma di sordocecità sono quasi 190mila, lo 0,3% dell'intera popolazione. Un numero esponenziale rispetto alle stime precedenti, che contavano da 3 a 11 mila persone. Lo ha rivelato il primo studio sul fenomeno, promosso dalla Lega del Filo d'Oro e realizzato dall'Istat.Lo studio, presentato alla Camera dei Deuptati, ha rilevato che il 65% delle persone sordocieche è donna, l'88% ha più di 65 anni. Circa 108 mila persone (6 su 10) sono di fatto confinate in casa,perchè no autosufficienti a causa di altre gravi forme di disabilità, che spesso si aggiungono ai problemi di vista e udito.Linda Laura Sabbadini, direttore del Dipartimento per le statistiche sociali dell'Istat: 'Molto importante per noi questo studio, è un segmento di popolazione particolarmente critico perchè la maggior parte sono confinati in casa, hanno problemi di autosufficienza, hanno problemi di integrazione sociale, e alla disabilità sensoriale si unisce molto spesso anche la disabilità motoria e altre forme di disabilità, quindi è fondamentale utilizzare questi dati per capire come intervenire al meglio'.Persino Rossano Bartoli, segretario generale della Lega del Filo D'Oro, l'associazione per l'assistenza e la riabilitazione delle persone sordocieche, si è detto stupito dai dati dello studio.'Sapevamo - ha detto - che dovevano essere molte di più ma non immaginavamo di trovarci di fronte a un dato così rilevante, cioè quasi 190mila. E' un dato che rappresenta quindi un'urgenza ulteriore per porre l'attenzione delle istituzioni pubbliche il problema della sordocecità e richiamare quella che è una legge specifica adottata nel 2010, cioè la legge 107 sui diritti delle persone sordocieche, perchè questa legge deve trovare applicazione e sicuramente deve essere per alcune parti anche migliorata, quindi i dati Istat ci impongono di promuovere e accelererare il dibattito perchè i bisogni delle persone sordocieche possano essere realmente soddisfatti'.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Nessun commento

Per scrivere un commento è necessario registrarsi oppure accedere con Twitter o Facebook: Loggati - Registrati

Dalla nostra HomePage
Il presidente della commissione Ue Jean-Claude Juncker e il commissario dimissionario per i Servizi finanziari Jonathan Hill.
Brexit, i rappresentanti Uk sgraditi a …

Londra temporeggia, ma Juncker vuole il divorzio rapido. Così i gli esponenti britannici dell'Ue si sentono di troppo. E arrivano le prime dimissioni.

prev
next