Turchia: almeno sei morti in un nuovo attacco contro i militari - La notizia

Premier Davutoglu: attentati opera di Pkk e milizie curdo-siriane

18 Febbraio 2016

Diyarbakir (Turchia) - La Turchia sempre più nella morsa del terrorismo. Dopo l'attentato nel cuore di Ankara che ha provocato 28 morti e 61 feriti quando un'autobomba è esplosa al passaggio di un autobus dell'esercito, si registra un altro attacco, questa volta a Diyarbakir, località nelle regioni meridionali a maggioranza curda.Almeno sei soldati sono morti dopo che un convoglio militare è entrato nel mirino dei terroristi, un attacco che le autorità turche ha attribuito al Pkk, come quello di Ankara.Per il premier turco Ahmet Davutoglu, infatti, l'ondata di attentati è opera del Partito curdo dei lavoratori e di una milizia curdo-siriana. Nello specifico, l'attacco terroristico di Ankara sarebbe stato commesso da alcuni membri dell'organizzazione del Pkk in Turchia e da un militante infiltratosi nel paese delle Unità per la protezione del popolo, le milizie curdo-siriane. Davutoglu ha poi precisato che la polizia ha effettuato nove arresti e che l'attentatore suicida era un cittadino siriano.Il Partito curdo dei lavoratori da parte sua ha smentito ogni coinvolgimento nell'attentato di Ankara. 'Non sappiamo chi l'abbia commesso, ma potrebbe trattarsi di una rappresaglia per i massacri turchi nel Kurdistan' ha dichiarato Cemil Bayik, un dirigente dell'organizzazione.(Immagini Afp)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

TAG: Esteri

Nessun commento

Per scrivere un commento è necessario registrarsi oppure accedere con Twitter o Facebook: Loggati - Registrati

Dalla nostra HomePage
prev
next