Verso la XXI esposizione, Triennale lancia la propria membership - La notizia

Presentato il progetto "Amici della Triennale"

17 Febbraio 2016

Milano - Una nuova forma di membership, inedita per l'Italia, per rilanciare la collaborazione tra istituzioni e privati: 'Amici della Triennale' è l'iniziativa presentata dal polo culturale milanese, anche in vista del grande progetto della XXI Triennale internazionale che si aprirà il prossimo 2 aprile. Elena Tettamanti è il presidente di 'Amici della Triennale': 'La Triennale - ci ha detto - è un'istituzione pubblica, ma ha sempre riconosciuto l'importanza del sostegno dei privati, per rafforzare e sviluppare la propria mission. Basti dire che il palazzo in cui ci troviamo è stato donato dalla famiglia Bernocchi nel 1933 come primo atto di mecenatismo culturale'.Un mecenatismo che oggi assume, necessariamente, connotazioni diverse, che prevedono gli sgravi fiscali dell'Art Bonus del ministro Franceschini, ma anche il senso della costruzione di una più forte relazione con il pubblico. 'Questo progetto - ha aggiunto Tettamanti - si rivolge a privati, aziende, fondazioni ed Enti. Amici della Triennale vuole accomunare persone con interessi culturali e valori di responsabilità sociale e in alcuni casi di vero e proprio mecenatismo. L'obiettivo è creare una comunità di sostenitori: aperta, sensibile e informata'.Il presidente della Triennale, Claudio De Albertis, non vuole lanciare appelli, ma confida nel valore del lavoro svolto finora, sempre all'insegna di una ricca multidisciplinarietà. 'Io confido - ci ha detto - che la gente sappia riconoscere nella Triennale un'istituzione che sia un vanto di questa città e di questo Paese. Noi ce la mettiamo tutta e credo che l'appello migliore siano gli sforzi che noi facciamo nella nostra capacità di proposta culturale nel campo dell'architettura, del design, delle arti in genere e delle città'.Nella fattispecie la città di Milano che, dopo Expo, ha un'altra occasione di visibilità internazionale, perfetta per confermare quel momento di fermento creativo che la sta contraddistinguendo di nuovo ormai da qualche anno.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

TAG: Cultura

Nessun commento

Per scrivere un commento è necessario registrarsi oppure accedere con Twitter o Facebook: Loggati - Registrati

Dalla nostra HomePage
Da sinistra: il camion usato a Nizza, l'attentatore di Monaco e la chiesa di Saint Etienne du Rouvray.
Terrore, la narcosi della coscienza ci può …

Nizza, Monaco, Rouen: ci abitueremo al male. E l'ossessiva ricerca di soluzioni risulta ripetitiva e inefficace. Successe già negli Anni 70. L'analisi di Lia Celi.

Rouen, Augé: «Vi spiego la trappola simbolica dell'Isis»

Primo attacco a una chiesa. Dopo Charlie, Parigi e Nizza è una svolta simbolica. Augé: «I terroristi non riconoscono l'Europa laica, così ci fanno tornare indietro».

Mediaset, ora Berlusconi teme la scalata di Bolloré

Rottura tra il Biscione e Vivendi. Il Cavaliere sospetta una manovra dei francesi. Che sfrutterebbero la debolezza del titolo. Fermandosi prima della soglia Opa.

prev
next