Vertice migranti a Bruxelles in bilico, Turchia alza la posta - La notizia

Ankara annuncia "nuove proposte" a riunione in corso

08 Marzo 2016

Bruxelles - Una nuova proposta arrivata da Ankara ha fatto slittare la conclusione del vertice europeo convocato a Bruxelles, dove leader europei e il governo turco si stanno confrontando per trovare una soluzione alla situazione emergenziale vissuta da migliaia di migranti ai confini dell'Europa.Sul tavolo, oltre ad un pieno ripristino di Schengen, ci sono gli accordi con la Turchia perché collabori nella gestione della crisi, riprendendo nei suoi confini tutti i migranti economici, tranne siriani e iracheni praticamente, e tutti quelli salvati i nel Mar Egeo dalle missioni Frontex e Nato. In cambio l'Europa, oltre allo stanziamento di 3 miliardi di euro, permetterà ai cittadini turchi di viaggiare nei suoi confini senza chiedere il visto.Tutto doveva concludersi dopo una mattinata e un pranzo di colloqui, ma la Turchia ha alzato la posta. Mentre il presidente turco Erdogan da Ankara si è lamentato di non aver ricevuto ancora i soldi europei, il primo ministro Ahmet Davutoglu da Bruxelles ha fatto sapere di aver presentato una nuova proposta all'Europa sui migranti. Nessun dettaglio ufficiale sulla novità che ha fatto riaprire le discussioni al vertice, a cui partecipa il premier italiano Matteo Renzi. Ma è lo stesso portavoce di Davutoglu a chiarire che la Turchia non 'è qui solo per parlare di migranti', ma anche 'del processo di ingresso della Turchia nell'Unione Europea'. Un processo che per Ankara va accelerato.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

TAG: Esteri

Nessun commento

Per scrivere un commento è necessario registrarsi oppure accedere con Twitter o Facebook: Loggati - Registrati

Dalla nostra HomePage
Banche, industria e consumi: l'Italia saluta la ripresa

Il Paese rischia di chiudere male il 2016. Pil a +0,8%. Domanda interna bloccata. Ordini e importazioni in calo. E così si complica il lavoro di Padoan in Europa.

Terrore, la narcosi della coscienza ci può salvare

Nizza, Monaco, Rouen: ci abitueremo al male. E l'ossessiva ricerca di soluzioni risulta ripetitiva e inefficace. Successe già negli Anni 70. L'analisi di Lia Celi.

prev
next