«La Turchia è la vera minaccia non Al Qaeda»

Per Edward Luttwak il movimento terroristico non è operativo.

13 Settembre 2011

Erdogan con il presidente siriano Bashar al-Assad (Ap Images).

Erdogan con il presidente siriano Bashar al-Assad (Ap Images).

Al Qaida sarebbe un'organizzazione morta e sepolta. A darne l'annuncio è il politologo ed economista statunitense Edward Luttwak che ha aggiunto: «non guardiamo ai fantasmi, ma al pericolo vero che è rappresentato oggi dal governo turco».
AL QAIDA NON ESISTE. Dalla convention della Hypo Alpe Adria Bank di Udine, Luttwak ha commentato il videomessaggio diffuso su un sito islamico dal leader di Al Qaida Ayman Al- Zawahri in occasione del decimo anniversario degli attentati dell'11 settembre 2001. «Ogni tanto qualche musulmano si scalda e alza la voce per dire 'io sono Al Qaida'», ha proseguito Luttwak, «ma Al Qaeda non esiste come organizzazione operativa. Se si vuole vedere oggi una minaccia islamica», ha ribadito, «questa è rappresentata piuttosto dal governo turco, che perseguita i propri cittadini curdi e reprime con violenza i musulmani moderati, dicendo che essere moderati è un crimine».
IRAN STA CADENDO. Luttwak si riferisce allo strappo tra Turchia e Israele ma anche al tour intrapreso dal premier turco Recep Tayyip Erdogan attraverso Egitto, Libia e Tunisia, i Paesi protagonisti della primavera. Sullo scenario mediorientale ha poi aggiunto che «l'Iran insegue il nucleare, ma il regime si sta lentamente sgretolando, perché si appoggia sempre più sulle baionette».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Bobbis 13/set/2011 | 19 :37

se del caso
speriamo in un'altra Lepanto

Per scrivere un commento è necessario registrarsi oppure accedere con Twitter o Facebook: Loggati - Registrati

Dalla nostra HomePage
Duello Clinton-Trump, le cose da sapere

Sempre più vicini nei sondaggi. Hillary deve ritrovare la fiducia degli elettori. Donald corteggia i moderati. I temi della sfida in tivù da 100 milioni di spettatori.

Csm, la riforma non elimina il potere delle correnti

Approvato il nuovo regolamento. Per il vicepresidente Legnini palazzo dei Marescialli diventa una «casa di vetro». Ma Galoppi (MI): «Si poteva fare di più»

prev
next