POLEMICA FIAT

Camusso: «Marchionne bomba a orologeria»

Landini: «Parole pericolose». Di Pietro: «Giù la maschera».

01 Dicembre 2011

Susanna Camusso è una furia. Dopo le dichiarazioni al veleno di Sergio Marchionne, il quale ha minacciato l'addio di Fiat all'Italia nonostante l'accordo di Termini Imerese, il segretario della Cgil ha tuonato: «Marchionne è come una bomba a orologeria, ogni volta che si fa un passo avanti riporta tutto indietro». E ha aggiunto: «Diventa essenziale che il governo convochi l'amministratore delegato della Fiat e gli chieda quali sono le sue opinioni e le prospettive che ci sono. Sono due anni che alternativamente si annuncia un piano di investimenti, si dice che è possibile andarsene dal Paese, si dettano condizioni e penso che sia utile che si chieda finalmente a Marchionne di scoprire le sue carte».
LANDINI: È IMPENSABILE LASCIARE L'ITALIA. L'amministratore delegato del Lingotto ha accusato i sindacati di aver messo in pratica una «tirannia della minoranza» e ha puntato il dito principalmente contro la Fiom. Chiamato in causa direttamente, il leader Maurizio Landini ha ribattuto: «Le parole di Marchionne sono pericolose» e ha aggiunto: «Credo che il governo, le istituzioni e le forze politiche dovrebbero perderle sul serio. È impensabile che pensi di andarsene dell'Italia».
DI PIETRO: MARCHIONNE GETTA LA MASCHERA. Attraverso un comunicato della Fiat, «il dottor Marchionne» ha smentito di aver «mai parlato di lasciare l'Italia». Ma ormai il sasso è stato lanciato e anche dal mondo della politica sono arrivate reazioni rabbiose. «Finalmente Marchionne getta la maschera», ha affermato Antonio Di Pietro, presidente dell'Italia dei valori. «Dopo aver preso in giro governo e sindacati sull' inesistente progetto Fabbrica-Italia, dopo aver ricevuto ingenti finanziamenti pubblici e dopo aver chiuso uno stabilimento dopo l'altro, dato che non c'é più nulla da spremere, il signor Marchionne dichiara candidamente di poter fare a meno del nostro Paese. Bisogna bloccare tutte le forme di finanziamento agli azionisti Fiat e aprire il mercato italiano ai grandi produttori di auto».
VENDOLA: ARROGANZA PADRONALE. Ancora più duro Nichi Vendola di Sinistra, ecologia e libertà: «Sergio Marchionne è l'espressione più retriva dell'arroganza padronale. Da una parte dice di lasciare l'Italia, dall'altra continua a sferrare un attacco violento ed estremistico nei confronti della Fiom. Non è certo un oracolo della modernità».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Nessun commento

Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere con Twitter o Facebook: Loggati - Registrati

Le TOP 5 di oggi
1. VENTI DI GUERRA Is, offensiva aerea degli Usa in Siria 2. RIFORME Jobs act, minoranza Pd: sette emendamenti 3. CHIESA Pedofilia, arrestato l'ex nunzio Wesolowski 4. STALLO Consulta, 14esima fumata nera 5. CAMBIO ALLA GUIDA Cisl, Bonanni pronto lasciare la segreteria
Dalla nostra HomePage
L43 Twitter
prev
next