Apri/chiudi Tab
Le top 10 news di oggi chiudi
Le inchieste di Lettera43 chiudi
Le grandi interviste di Lettera43 chiudi
L43 - Local L’informazione dalla tua città Invia
TUTTO ITALIA EUROPA AFRICA ASIA NORD-AMERICA SUD-AMERICA OCEANIA Login | Registrati |  Mercoledì, 30 Luglio 2014- 11.04

 

Io, attrice hard pentita

La disperazione della protagonista di «Le porno coppie di Ostuni e Mesagne», smascherata dai compaesani.

IL CASO

Il proibito ha un prezzo. E in provincia, è alto, altissimo. Così quello che comincia come gioco erotico diventa un video amatoriale, una sorta di porno casalingo. Una casa di produzione annusa l'affare. E così il dvd finisce in centinaia, migliaia di copie nelle edicole del Brindisino e, ça va sans dire nelle case di vicini di casa e compaesani.
Tutto legittimo. Il film Le porno coppie di Ostuni e Mesagne prodotto dalla E.Valentino di Roma è diventato in pochi giorni addirittura un cult nella provincia pugliese. La vanità e l'esibizionismo dei protagonisti della pellicola sarebbero ampiamente ripagati, se non fosse che, di visione in visione, qualcuno ha riconosciuto una delle protagoniste. Che, da quel monento non ha più avuto pace.
L'ATTRICE PENTITA. «Da qualche giorno non vivo più», ha ammesso la pornodiva della domenica al Corriere del Mezzogiorno. «Qualcuno mi ha riconosciuta e adesso quando esco da casa sento addosso tutti gli sguardi». Poi pentita, e in lacrime, ha dichiarato di voler frenare lo scandalo: «Ho già parlato con un avvocato di Lecce per cercare di bloccare la vendita del dvd in edicola. Non escludo di chiedere anche l’intervento delle forze dell’ordine per recuperare quelli già acquistati». 
MASCHERINE E PARRUCCHE INUTILI. Insomma, la provincia del Sud non perdona. Anche se le scene hard sono state girate dalla donna insieme con il compagno di vita. A poco sono valsi poi gli accorgimenti scenici della produzione: parrucche e mascherine non le hanno garantito l'anonimato promesso. La disinvolta brindisina è stata smascherata, si sussurra a Mesagne, dal colore degli occhi e dalla forma della bocca. «Dopo la registrazione dei ciak avevo anche tagliato e cambiato il colore ai miei capelli», ha detto in lacrime, «per evitare di essere riconosciuta. Ma purtroppo non è servito a niente».
LE COPIE ILLEGALI. La sua volontà di smorzare la bufera deve, però, scontrarsi con la legge. E con la curiosità, forse un po' morbosa, dei compaesani, che pur di vederla all'opera alimentano il mercato illegale delle copie non autorizzate.
Inoltre, prevedendo un buon guadagno, gli edicolanti della zona hanno hanno ben pensato di mettersi una mano sul portafoglio prima che sul cuore, inoltrando nuovi e copiosi ordini all'azienda romana.
E per evitare eventuali domande imbarazzanti, hanno scelto di garantire la privacy. Sì ma dei clienti. E così, per le strade di Ostuni e Mesagne è possibile avvistare qualche signore sorridente o qualche comare soddisfatta con un piccolo dvd impachettato tra le mani. Con carta anonima, almeno quella.

Venerdì, 09 Dicembre 2011 © RIPRODUZIONE RISERVATA


Nessun commento

Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere con Twitter o Facebook: Loggati - Registrati

L’informazione dalla tua città
Invia
Alessandria - Dialessandria.it Bicicletta e natura