SALUTE

Chirurgia estetica: boom di reazioni avverse

Negli ultimi cinque anni aumentate del 70% le richieste di correzione.

29 Dicembre 2011

Sono in costante crescita le reazioni avverse alle terapie estetiche. Secondo i dati dell'Osservatorio Dermoplastico Isplad (Società internazionale di dermatologia plastica-rigeneratica e oncologica), negli ultimi cinque anni sono aumentate del 70% le richieste di correzione degli esiti di precedenti interventi estetici, settore all'attenzione della cronaca dopo la vicenda di un altro materiale, quello per le protesi al seno Pip.
GEL PERICOLOSI. Antonino Di Pietro, dermatologo e presidente Isplad ha affermato che «di queste, il 10% è dato da granulomi, capaci di manifestare gonfiore o secrezione di pus che, però, fortunatamente guariscono, lasciando solo a volte qualche cicatrice». Il presidente Isplad ha spiegato che «a causarli sono i filler, al primo posto nelle terapie antiaging, che sono rappresentati principalmente da materiali sotto forma di gel, iniettati per sollevare o riempire le rughe del viso. Tra questi il più diffuso è l'acido ialuronico, che di per se stesso è sicuro e ben tollerato, perchè biocompatibile ma, per aumentare la durata dei risultati può essere trattato con additivi».
CONSERVARE L'ETICHETTA PER ACCERTARSI DELLA PROVENIENZA. Di solito sono proprio queste sostanze chiamate reticolanti (come il gluteraldeide e il Bdde, un agente chimico chimico cross-linkante) che danno luogo a intolleranze e reazioni allergiche. «Quando ci si rivolge al medico per un filler occorre sempre verificare che si tratti di acido ialuronico puro» ha affermato lo specialista. «Sarebbe meglio anche farsi consegnare l'etichetta della fiala, che riporta la data di scadenza e il numero del lotto, così, in caso di problemi, si ha la possibilità di conoscere esattamente la provenienza del prodotto».
PERICOLO ANCHE A DISTANZA DI ANNI. Un'altra causa di rigonfiamenti anomali può essere l'utilizzo di filler permanenti. «Se da una parte alcune sostanze come il silicone liquido sono vietate da anni, altre, quali il metacrilato, sono ancora permesse in tutto il mondo» ha aggiunto Di Pietro. «Senza contare che la reazione avversa può verificarsi anche a distanza di anni: a volte si manifesta dopo aver iniettato acido ialuronico in una zona che non si sapeva essere trattata in precedenza con materiale non riassorbibile. Possono scatenarsi reazioni abnormi che necessitano l'intervento chirurgico» ha confermato il dermatologo.
VITTIME DEL SILICONE ANCHE TRA I VIP. I personaggi dello spettacolo lo sanno bene. da Isabelle Adjani, a Cortney Cox, fino a Meg Ryan, sono diverse le vittime del silicone (iniettato anche in dosi massicce e, quindi, ancora più difficile da asportare) che si sono trovate con il viso deturpato. Non a caso ha fatto subito parlare di sè la Lega britannica anti-chirurgia fondata qualche mese fa dall'attrice Kate Winslet (tra le aderenti anche Rachel Weitz e Emma Thompson) in difesa della bellezza naturale e contro tutti i ritocchi che tolgono espressività al viso, dote fondamentale per un attore. Anche se non è facile convincere il mondo di Hollywood, da sempre sostenitore del ritocco a oltranza.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Nessun commento

Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere con Twitter o Facebook: Loggati - Registrati

Le TOP 5 di oggi
1. JOBS ACT Lavoro, Renzi alla minoranza Pd: «Cascate male» 2. LA VISITA Papa Francesco a Tirana, quarto viaggio all'estero 3. TRAGEDIA Libia, nuova strage di migranti in mare 4. VIAGGIO Renzi, tour negli Usa tra Silicon Valley e investitori 5. il summit G20: «La ripresa è incerta», al via infrastrutture per la crescita
Dalla nostra HomePage
L43 Twitter
prev
next