Apri/chiudi Tab
Le top 10 news di oggi chiudi
Le inchieste di Lettera43 chiudi
Le grandi interviste di Lettera43 chiudi
L43 - Local L’informazione dalla tua città Invia
TUTTO ITALIA EUROPA AFRICA ASIA NORD-AMERICA SUD-AMERICA OCEANIA Login | Registrati |  Lunedì, 28 Luglio 2014- 06.12

Benessere 

BELLEZZA

Pericolo filler

Iniezioni riempitive: se il prodotto è scadente si rischiano infezioni.

di Anna Franco

Articolo in versione breve

Dopo l’allarme protesi arriva quello dei filler. La notizia arriva dalla Gran Bretagna, dove la pratica della punturina è molto frequente: le iniezioni riempitive che mirano ad appianare rughe e gonfiare zigomi e labbra possono procurare infiammazioni e infezioni.
Secondo Stefano Cavicchini, specialista dermatologo di Milano, «i filler sono prodotti disponibili in Italia da circa 30 anni. Nella seconda metà degli Anni '80 si usava il collagene bovino purificato, che però poteva provocare reazioni a livello immunitario». Oggi il più quotato è invece l’acido ialuronico, «usato in diverse concentrazioni a seconda dello scopo da raggiungere».
La famosa iniezione dura pochi minuti e avviene in ambito ambulatoriale, con l’aiuto di una crema anestetizzante o una leggera anestesia locale. «Se le sostanze iniettate sono di ottima qualità», afferma Walter Chiara, chirurgo estetico, «si possono correre solo rischi causati dal metodo di iniezione, come piccole cisti dovute a una mal diffusione del prodotto».
Ma il pericolo vero c’è se le sostanze iniettate non sono ottime. I filler, infatti, non sono farmaci, ma dispositivi medici e come tali non sono sottoposti a controlli così stretti. Una prima discriminante è il prezzo che viene richiesto per la prestazione: se è troppo basso, concordano i due medici, si tratta di un filler scadente, «perché», ricorda Cavicchini, «nessuno fa beneficenza e il low cost che ultimamente va tanto di moda non è attuabile, in realtà, visto che una fiala di un prodotto ottimo costa allo specialista 90 euro e ne servono almeno tre per trattare l’intero viso».

Domenica, 08 Gennaio 2012 © RIPRODUZIONE RISERVATA


Guarda l'articolo in versione completa

Commenti (1)

JoyToy 09/gen/2012 | 00:06

Botox e marchette
Una fiala di botox costa come una marchetta media. Peccato che i riempitivi non colmino il vuoto nel teschio, l'eco craniale non cesserà mai per certe persone.

Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere con Twitter o Facebook: Loggati - Registrati