Apri/chiudi Tab
Le top 10 news di oggi chiudi
Le inchieste di Lettera43 chiudi
Le grandi interviste di Lettera43 chiudi
L43 - Local L’informazione dalla tua città Invia
TUTTO ITALIA EUROPA AFRICA ASIA NORD-AMERICA SUD-AMERICA OCEANIA Login | Registrati |  Sabato, 02 Agosto 2014- 04.24

Benessere 

Salute: polmoni più sani grazie alla marijuana

Una ricerca ha rilevato i benefici respiratori su fumatori occasionali.

CURIOSITÀ

La marijuana fa male? Non è detto. Consumare occasionalmente ‘erba’ danneggia i polmoni meno di quanto facciano le sigarette e migliora anche la capcità respiratorie. A rilevare il fenomeno ‘benefico’, per la felicità di molti che avranno pensato «io l'avevo detto» sono i risultati di uno studio americano di lungo termine su oltre 5 mila soggetti tra i 18 e i 30 anni seguiti dal 1985 al 2006, che si pensa possano rivoluzionare le conoscenze attuali in fatto di fumo e marijuana e di riaccendere il dibattito sulla legalizzazione di questa sostanza.
I COFFEE SHOP ORA SONO CLUB PRIVÉ. E se Amsterdam, capitale della cannabis, ha introdotto la ‘tessera dello spinello’ per i soli olandesi e l'esclusione di tutti gli stranieri dai leggendari coffee shop, veri e propri ex templi dello sballo e ora riconvertiti in club privati per pochi eletti, beh, forse viste le ultime ‘scoperte’, sarebbe il caso di rivedere questa norma.
L'ERBA AUMENTA LA CAPACITÀ POLMONARE. Il capo della ricerca pubblicata su Jama, Stefan Kertesz, dell'università dell'Alabama a Birmingham ha affermato con certezza: «Si sa da tempo che il fumo di marijuana contiene molte sostanze chimiche irritanti presenti anche nel fumo di tabacco e può causare irritazione ai polmoni, respiro sibilante e tosse subito dopo l'uso, tuttavia, nella ricerca sugli effetti a lungo termine sulla funzione polmonare vi sono incongruenze».
Questi dati apparentemente ‘strani’citati dal professore riguardano le funzionalità polmonari. Dopo un consumo occasionale di marijuana per 20 anni, (è stato considerato occasionale il consumo di uno spinello al giorno) aumenta il picco di flusso espiratorio, cioè la massima forza con cui una persona riesce a ‘buttare fuori’ l'aria dopo una profonda inspirazione e cresce anche la capacità polmonare. Con le sigarette, invece, la progressiva diminuzione oltre a una fastidiosa difficoltà respiratoria è inesorabile.

Giovedì, 12 Gennaio 2012 © RIPRODUZIONE RISERVATA


Nessun commento

Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere con Twitter o Facebook: Loggati - Registrati

L’informazione dalla tua città
Invia
corporesanomagazine