IL CASO

Silicone killer, 33 mila casi in Venezuela

Il ministero: «Le protesi Pip erano state bandite nel 2010».

13 Gennaio 2012

Silicone killer: è allarme in Sudamerica. Sono circa 33 mila, infatti, le donne venezuelane che hanno subito l'impianto di protesi mammarie della marca francese Pip (Poly Implant Prothese), bandite per legge in Venezuela dal 2010.
«Il governo», ha spiegato il ministro della Salute, Eugenia Sader «ha vietato l'uso, la distribuzione e la vendita di queste protesi in Venezuela».
Sader ha quindi invitato le donne interessate «a restare calme e a consultare un medico».
A fine dicembre le autorità di Caracas avevano annunciato che le pazienti potranno farsi espiantare le Pip gratuitamente, ma che la sostituzione delle protesi non sarà a carico dello Stato. Venerdì 6, 500 venezuelane hanno presentato una denuncia nei confronti della società francese.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Nessun commento

Per scrivere un commento è necessario registrarsi oppure accedere con Twitter o Facebook: Loggati - Registrati

Dalla nostra HomePage
CAMPIDOGLIO Roma, il rimpasto non salverà Marino

Il sindaco rinnova la giunta. Entrano Di Liegro, Esposito, Rossi Doria e Causi. Renzi però non farà sconti: il futuro sembra scritto. E a rischiare è anche Orfini.

DINASTIA Libia, la famiglia decimata dei Gheddafi

Saif condannato a morte. Ma le brigate di Zintan possono mettersi di traverso. Saadi in cella. Safia e Aisha al sicuro. Ahmed in Egitto. La diaspora del clan.

CELEBRITÀ Quelli che hanno stufato: la carica degli invadenti

Le liti Pannella-Bonino. I pianti di Baldini. I tweet di Fedez. Il libro di Schettino. Ciclicamente ritornano. E non danno tregua. Anche se il pubblico è stanco.

prev
next