L43 Blog

Musica, presentato a Napoli “Quello che non siamo”

Esibizione del giovane cantautore partenopeo Roberto Ormanni accompagnato dal Quartet

PUBBLICATO IL 26 MARZO 2016 DA
 
 

“Quello che non siamo” è il primo EP del cantautore Roberto Ormanni, classe 1993. Cinque canzoni registrate nelle sale del Sanità Music Studio, sotto la produzione esecutiva della Apogeo Records, etichetta discografica sociale, per un mini album che cerca di essere un racconto in presa diretta del mondo contemporaneo.
Il lavoro è distribuito da Edel Italy e Claudio Poggi, storico produttore di Pino Daniele.
L’esordio discografico di Roberto Ormanni arriva grazie alla vittoria della prima edizione de Apogeo Spring Contest, che nella scorsa primavera ha visto esibirsi oltre 30 progetti musicali. A seguito della finale di giugno tenutasi in occasione di Giugno Giovani a Largo San Giovanni Maggiore, con il patrocinio del Comune di Napoli e il sostegno de L’altra Napoli ONLUS e dell’associazione territoriale ARTETEKA, il giovane cantautore partenopeo si è aggiudicato il primo premio.
Gli arrangiamenti del disco s’ispirano alla musica d’autore italiana con innesti di sonorità folk.
Ad accompagnare la voce e i testi di Roberto Ormanni, il Quartet: Enrico Valanzuolo alla tromba, Roberto Tricarico alla chitarra, Antonio Barberio al contrabbasso e Marco Norcaro alla batteria.
Ad aprire l’EP, “Quello che non siamo”, brano che dà il titolo all’album. Una cartolina della realtà al negativo, un canto di resistenza intonato da chi è “venuto al mondo senza nulla da avere”, per un filo sottile che lega gli emigranti del Mediterraneo a chiunque cerchi “qualcosa in cui credere”.
Segue in scaletta “Petru (26/05/09)”, canzone dedicata a Petru Birladeanu, vittima innocente di camorra. “Petru – racconta Roberto Ormanni – era un musicista di strada. Viveva suonando la sua fisarmonica sui treni della cumana di Napoli. Il 26 maggio del 2009, a Montesanto, venne colpito da alcuni proiettili sparati dai caricatori del clan Ricci, in faida col clan Mariano. Petru rimase mezz’ora a terra, lasciato morire nel suo stesso sangue, con al fianco soltanto la sua compagna, Mirela. La gente passava, girava la testa e andava via. Eppure i colpi della camorra non cercavano Petru. Stavano segnando il territorio. I cani lo fanno con il piscio, loro lo fanno con i proiettili”.
Terza traccia è “John Reed”, il cui arrangiamento rinvia direttamente alla tradizione folk americana. Un brano che parla di lavoro e di lavoratori. “E’ una storia senza tempo, che parte dagli operai del XX secolo e arriva fino ai precari dei nostri giorni”.
La canzone “Fuori non piove” si propone come un’istantanea sull’attuale stato dell’arte attraverso una serie di suggestioni ed immagini tratte dall’universo pirandelliano.
Il brano, che vede l’intervento del cantautore Lelio Morra, sarà pubblicato come singolo sul web.
Il videoclip, diretto dal regista Tato Strino, è ambientato negli ambienti del Teatro Mercadante di Napoli e si è avvalso della partecipazione di nuove proposte del panorama teatrale, cinematografico e artistico italiano. Tra gli attori: Gianmaria Fiorillo, Simone Somma, Brando Improta, Maria Laura Passaro, Clara Vitiello, Carlotta Carpentieri, Vittorio Oratino, Giulio De Simone, Elena Tricarico.
In chiusura del minialbum, “Don Quijote”. Una ballata acustica, registrata negli studi della Jam Music Factory, che si avvale della collaborazione alla chitarra di Oscar Montalbano.

 

 
Pubblicato in attualità - Società

Nessun commento

Per scrivere un commento è necessario registrarsi oppure accedere con Twitter o Facebook: Loggati - Registrati

-->
prev
next