L43 Blog

House of Cards 3, FU e Giulio Cesare

è uscito in Italia l'ultimo volume della trilogia di Dobbs

PUBBLICATO IL 10 MARZO 2015 DA Antonella Scutiero
Kevin Spacey nei panni di Frank Underwood nella serie tivù ''House of cards''.

Ve lo dico subito, e senza spoiler. L'ultimo libro della trilogia di House of Cards è il migliore, ed è anche quello che più ricorda la sua splendida versione televisiva. Qui la penna di Michael Dobbs, portata in Italia da Fazi editore (è in libreria dal 6 marzo) offre una storia più interessante di quella del primo libro, e ancor di più del secondo. Nel terzo capitolo della saga - e ultimo, purtroppo - FU, alias Francis Urquhart, ovvero Frank Underwood, è al potere da tempo. Il suo problema non è più la conquista, la lotta per emergere, per scalare la sua personale montagna di ambizione e potere. È rimanere il più possibile in quella posizione pur sapendo che prima o poi gli toccherà scendere, se non rotolare. È il destino di tutti i leader: chiunque arrivi al massimo deve rassegnarsi, nel momento stesso in cui tocca la vetta, a precipitare. Spesso per mano delle persone a lui più care ed è qui che torna in scena...

Cinquanta sfumature di noia

Ho letto i libri. E non mi sono piaciuti.

PUBBLICATO IL 12 FEBBRAIO 2015 DA Antonella Scutiero

Confesso che all'epoca ho letto tutti e tre i libri di cinquanta sfumature (nero, grigio, rosso). Li ho letti perché volevo capire cosa c'era di tanto bello, tanto sconvolgente da decretarne il successo. E l'ho capito. Cinquanta sfumature è un harmony in piena regola, uno di quei romanzetti romantici che da sempre popolano gli scaffali dell'editoria rosa.  Lui, tanto per cambiare, è un ricchissimo, bellissimo e affascinante stronzo megalomane con problemi relazionali che vengono da un'infanzia difficile. Lei è una ragazzina ingenua e idealista senza alcuna esperienza (una via di mezzo tra Elizabeth Bennet e la sorella Mary) che vuole assolutamente stare con il tizio di cui sopra per cui si è presa una sbandata pazzesca, cosa assolutamente comprensibile visto che è così figo e lei non è mai stata innamorata. Così, investe anima e corpo in una relazione con un tizio bislacco che dice di non essere capace di impegnarsi...

Pubblicato in cinema - curiosità

Ciao, Pino

La voce di Napoli

PUBBLICATO IL 05 GENNAIO 2015 DA Antonella Scutiero
Pino Daniele e Massimo Troisi

Quando ho preso la patente, era il 2002, mi ero preparata un cd da tenere in auto che mi facesse compagnia. Tra le varie canzoni che avevo scelto c'era Je so' pazzo.   Je so' pazzo, je so' pazzo e vogli'essere chi vogli'io ascite fora d'a casa mia   Non so bene perché in quel momento avessi scelto quella canzone, che risaliva a parecchi anni prima. Ma ascoltarla mentre guidavo mi piaceva tantissimo.   Ho il popolo che mi aspetta e scusate vado di fretta    Uno dei ricordi più cari che ho di Pino Daniele è proprio questo. Io che guido, Napoli, il sole, je so' pazzo. Una canzone in cui per me c'era tutto. La libertà, una rivendicazione di indipendenza, Masaniello, i miei 18 anni, la mia città, la sua irriverenza.  Ciao, Pino.

Pubblicato in Notizie
Contrassegnato pino daniele - je so pazzo

Scusate, ma l'articolo 18 non ci appassiona

i giovani e le riforme

PUBBLICATO IL 27 SETTEMBRE 2014 DA Antonella Scutiero
Con la riforma del lavoro, il governo Renzi punta a superare l'articolo 18.

Parlate di articolo 18. Ci litigate da anni. Perdonateci: a noi dell'articolo 18 non frega proprio nulla. Ma non per preconcetto o per qualche ideologia, per carità. È che non l'abbiamo mai visto. La maggior parte dei ragazzi intorno ai trent'anni, e intorno ai venti, non ha mai goduto delle tutele dello statuto dei lavoratori. Ha visto invece ogni tipo di contratto precario, cococo, cocopro, interinale, prestazioni occasionali, rimborsi spese, falsi stage e false partite Iva. È saltato da un datore di lavoro a un committente, ha vissuto almeno un paio di periodi da disoccupato, si è visto rifiutare un'assunzione decente perché 'all'azienda costa troppo'. Qualcuno è addirittura (!!!) arrivato a provare compassione per quel datore di lavoro che non sapeva come mandare avanti la baracca. Qualcun altro si è visto licenziato di punto in bianco perché l'azienda è fallita, oppure ha rincorso per mesi un committente per avere il compenso pattuito. E magari non ci è nemmeno...

Pubblicato in Governo

Maria Elena Boschi e quella copertina di Vanity Fair

Governo Renzi

PUBBLICATO IL 23 APRILE 2014 DA Antonella Scutiero

Maria Elena Boschi è una bellissima ragazza. Ed è giovane, per di più.   Ma poi è finita in copertina su Vanity fair esclamando a tutto spiano di volere 'un compagno e tre figli', e tutti si sono tranquillizzati. Per fortuna, vuole fare la compagna, la moglie, la mamma, mica ha velleità strane. Non vuole cambiare il mondo, fare politica, diventare, che ne so, il primo premier donna: Maria Elena Boschi, con il suo tailleur blu elettrico, in fondo vuole 'solo' diventare mamma e avere un uomo al suo fianco. Un tentativo di 'normalizzazione' in una società italiana ancora troppo sessista. Dicono giustamente che nell'intervista alla Boschi ci sono dei contenuti ben diversi, ovviamente, che si parla di politica più che di pannolini e poppate. Eppure il messaggio che è passato è quello. E non è un caso.  Sono pienamente convinta che una donna ha diritto a fare la mamma e la moglie, se vuole. Che può scegliere di non lavorare e dedicare la sua vita alla...

Pubblicato in donne - Pd

La Grande Bellezza, perché vi scaldate tanto?

qualche riflessione sul dibattito che ci perseguita

PUBBLICATO IL 05 MARZO 2014 DA Antonella Scutiero

Considerazioni in ordine sparso: La Grande Bellezza non è il miglior film di Sorrentino. È il più commerciale. Sì, lo so che vi siete addormentati ieri sera davanti Canale 5. Se non vi piace non vi piace. Ce ne faremo una ragione. Ma ci sono stati Oscar ben più immeritati. È il classico film sull'Italia che piace agli americani. In fondo per l'estero non siamo fancazzisti, goderecci e decadenti? È pure il classico film che fa sentire tutti un po' intellettuali. Pure quelli che non l'hanno visto. I romani lo odiano perché pensano sia un film su Roma. Peccato che non sia così, rosiconi. È una storia sbrindellata, con una regia eccezionale e una fotografia pazzesca. Peccato per quei buchi. Servillo è bravissimo. Però vorrei rendere onore pure a Carlo Buccirosso. Quasi nessuno sapeva chi fossero i Talking Heads. Tutto sommato la Roma di cui parla Sorrentino non esiste. Però ho visto di peggio, e quindi di che vi lamentate? Tra i...

Pubblicato in cinema - film

Maradona: a Napoli avevamo i migliori tifosi al mondo

Maradona a Roma parla dei tifosi del Napoli

PUBBLICATO IL 16 FEBBRAIO 2014 DA Antonella Scutiero

Diego Armando Maradona, per alcuni giorni in Italia insieme al suo avvocato Angelo Pisani, ha ricordato l'affetto dei tifosi napoletani.

Pubblicato in Napoli

Capodanno e buoni propositi

PUBBLICATO IL 31 DICEMBRE 2013 DA Antonella Scutiero

Pensateci bene. Che cosa straordinaria che è Capodanno. Ogni volta, abbiamo l'illusione di poterci lasciare tutto alle spalle e trovarci di fronte una pagina bianca. Di buttare, con quel numero che cambia, delusioni, dolori, storie finite male, rogne di ogni tipo. E così liberati, contemporaneamente, di poter cominciare da capo. Di iniziare qualcosa di nuovo. Una dieta o un'avventura ben più grande.  Potremmo farlo in ogni altro momento dell'anno? Sì, ovviamente. Io per esempio sono ancora legata a un ciclo 'scolastico' della vita per cui tutto inizia a settembre: la dieta, la palestra, un nuovo progetto, la riorganizzazione dell'armadio. Sarà che il Capodanno mi sta serenemente sui coglioni. Ma è un problema mio, tant'è che vedo gente presa da ogni entusiasmo aspettarsi di tutto per il nuovo anno. Politici migliori, lavoro, meno tasse, un nuovo amore, un figlio, una famiglia,  meno buche in strada. C'è gente che...

Primarie PD: in esclusiva il confronto tra i (fake) candidati

PUBBLICATO IL 07 DICEMBRE 2013 DA Antonella Scutiero

Le primarie Pd per la scelta del nuovo segretario sono alle porte. Chi vincerà? E soprattutto, chi votare? Abbiamo un sacco di dubbi. Per provare a fare chiarezza abbiamo messo a confronto i candidati più amati del web: Gianni Kuperlo, Cippo Pivati, e le due anime del sindaco di Firenze, Renzo Mattei e Matteo Renzie. Cippo Pivati era irreperibile: probabilmente è a Cortina per il weekend di Sant’Ambrogio. Quelli che c'han risposto sono stati sottoposti alle domande sulle questioni più urgenti che il nuovo segretario del partito andrà ad affrontare. Quello che ci preoccupa è che sembravano maledettamente seri. Come sarà il tuo Pd? Cosa vuoi cambiare? Gianni Kuperlo: Il mio PD sarà basato sui militanti, ed il mio ideale di militante è un incrocio tra Mao ed Ernesto Sparalesto. Ciò che voglio cambiare è la formazione culturale del militante: ogni lunedì sera condurrò personalmente il cineforum russo con i film di Ėjzenštejn. Su sedie scomode, sennò non è...

Amarcord

PUBBLICATO IL 23 APRILE 2013 DA Antonella Scutiero

Menomale che Giorgio c'è. Sembra una vita fa. Berlusconi era andato via, Napolitano chiamava Monti a fare il premier. Menomale che Giorgio c'è. L'abbiamo cantata di nuovo, perché ieri Napolitano, nel suo discorso alle Camere, ci ha fatto ringraziare chiunque possa essere ringraziato d'avere personaggi come lui in questo Paese. Pochi, ma ce ne sono. La figura di Napolitano ieri a Montecitorio, nonostante tutto, c'ha fatto tirare un sospiro di sollievo. Perché intorno a lui che insultava e attaccava e pronunciava parole piene di rabbia che anche noi pensiamo, i parlamentari applaudivano. Applaudivano alla loro condanna, come inebetiti. Una scena surreale che sarebbe piaciuta a Fellini, che mentre la guardavo - loro tutti lì, in piedi, a sorridere e battere le mani come degli stupidi che non capiscono - mi ha fatto venire in mente la scena di un film, ho chiuso gli occhi, era come essere al cinema a vedere Sorrentino con intorno gente che ci viene perché fa figo. Poi...

Google maps all'italiana

PUBBLICATO IL 17 APRILE 2013 DA Antonella Scutiero

Lo sapete quanto costa andare da Terni a Civitavecchia? Sono 117 chilometri in tutto, se li fate in macchina. Secondo Google Maps ci vuole un'ora e 25 minuti. Non sembra tanto, vero? Ho provato a vedere quanto sono distanti, per dirne una,  Civitavecchia e Shanghai. Google non mi aiuta, mi dice che è impossibile calcolare il percorso in auto, coi mezzi pubblici a piedi. Ecco. Rende l'idea. Oggi però ho scoperto che a un'azienda (era l'Ast di Terni, il cui ad Pucci parlava in un convegno) costa in proporzione di più portare del materiale da Terni a Civitavecchia che da Civitavecchia a Shangai. Ridicolo, eppure così. Come dire che il biglietto dell'autobus per andare da Villa Borghese a Termini costa un euro, e che l'aereo  da Roma a Rio De Janeiro quando c'è il carnevale ne costa cinque. Se vi sembra assurdo, la motivazione lo è ancora di più. Il problema sono le infrastrutture. L'asse Orte Civitavecchia, che garantirebbe lo sbocco al mare, non è mai stato completato,...

Pubblicato in curiosità

Quando Grillo voleva buttare a mare i Papirazzi

PUBBLICATO IL 22 MARZO 2013 DA Antonella Scutiero

Gli si può rimproverare tutto, ma non la mancanza di coerenza, che Grillo, con giornali e tv non c'è mai andato d'accordo. Ogni volta che sento il comico genovese inveire contro colleghi, fotografi e affini mi viene in mente una scena cui ho assistito. Che è questa qui, descritta in un articolo di Repubblica del 13 agosto 1996, molto prima dei Vaffa. Rissa acquatica ieri mattina tra Enrico Papi e Beppe Grillo, in una caletta di Porto Cervo. Il comico genovese stava facendo il bagno assieme alla moglie Parvin, di origine indiana, quando è stato ' disturbato' dalla troupe del conduttore di ' Papi quotidiani' (Canale 5). Nascosti dietro un cespuglio, Papi e il suo operatore stavano filmando il comico che nuotava, quando qualcuno ha avvisato Grillo della presenza indiscreta. Così, una volta fuori dall' acqua, l' attore ha scovato Papi e, secondo la versione del conduttore, si sarebbe scagliato contro la telecamera. "Ci ha aggrediti", spiega Papi, "minacciandoci di buttare in...

Pubblicato in curiosità - elezioni

Se ti rubano l'Iphone

PUBBLICATO IL 28 FEBBRAIO 2013 DA Antonella Scutiero

Autobus, pieno centro di Roma (villa Borghese, per la precisione). Dopo una fermata una signora mi fa: "Controlla se hai tutto, ho visto un signore che è appena sceso che cercava di frugarti nelle tasche". Razza di idiota, e perché non lo dici? Ovviamente non ho più l'iphone. Provo a cercarlo con il servizio trova il mio Iphone, attivo la modalità smarrito, do l'input per visualizzare un messaggio con l'altro mio numero, per emettere il suono di allarme, tutto insomma. Chiamo l'operatore per bloccare la scheda. A un certo punto l'iphone viene localizzato. Corro alla polizia. Risposta: "Sì, ma queste cose non sono precise... ah, le dà un indirizzo? Ah, questa è la mappa? Sì, però...". Intanto prende la denuncia, recupero pure il codice Imei, faccio una descrizione del ladro augurandogli contemporaneamente ogni male di questo mondo. L'iphone viene localizzato di nuovo, un po' più distante. "Ah, l'ha ritrovato? Forse si sta spostando con un motorino... Aspetti"....

Pubblicato in Senza categoria

Sillogrillismi

PUBBLICATO IL 18 FEBBRAIO 2013 DA Antonella Scutiero

Grillo annuncia un'intervista esclusiva e straordinaria a Sky. Tutti parlano dell'intervista di Grillo a Sky.   I simpatizzanti di Grillo gli dicono di non cedere alle richieste dei giornalisti venduti brutti e cattivi. Grillo annuncia che non farà più l'intervista a Sky. Tutti parlano del rifiuto di Grillo di fare l'intervista a Sky. I simpatizzanti esultano. Ci siete cascati, eh?

Chi si somiglia si piglia

PUBBLICATO IL 14 FEBBRAIO 2013 DA Antonella Scutiero

San Valentino da single? Forse è perché l'ex era troppo diverso da te. Gli opposti non si attraggono, questa è la dura verità, e se finora v'è andata male prendetevela con chi v'ha raccontato che la Bella Addormentata poteva essere felice tutta la vita con lo stronzo di turno. Quindi, ricapitoliamo: il segreto per rimanere insieme è essere compatibili, avere personalità simili. Che non significa solo adorare tutti e due il ketchup sulle patatine. A sfatare il mito ci pensa uno studio pubblicato sulla rivista "Personal and individual Differences", edita da Elsevier, che ha coinvolto quasi 5mila coppie per cinque anni. Ebbene, le coppie che sono scoppiate prima sono quelle con meno compatibilità, mentre tra quelle più affini c'è pure chi si è sposato. Insomma, stasera osservate ben con chi uscite. Se arriva vestito da Tony Manero e voi amate la nightlife, forse avete fatto bingo e vivere per sempre felici e contenti (ma se poi vi annoiate, fatti vostri)

Pubblicato in curiosità - donne

Il gran rifiuto

PUBBLICATO IL 11 FEBBRAIO 2013 DA Antonella Scutiero

"Dopo aver ripetutamente esaminato la mia coscienza davanti a Dio sono pervenuto alla certezza che le mie forze, per l'età avanzata, non sono più adatte per esercitare in modo adeguato il ministero petrino" Non c'è un Dante a parlare di viltà, oggi. C'è il peso della coscienza e della sofferenza. Di un evento che sconvolge il mondo. (C'è una nuova campagna elettorale, da oggi. E, grazie a dio, non riguarda Berlusconi)

Caro Erri, chi è nato a Napule nce vo' murì

PUBBLICATO IL 03 DICEMBRE 2012 DA Antonella Scutiero

Caro Erri, io c'ho pensato un po' prima di scrivere questo post, perché nei giorni scorsi ero esasperata dagli stati su Facebook e le discussioni infinite che sono seguite al riportare le tue parole di commento a una classifica di due anni  - ma che vuoi che siano due anni per una città con tanta storia - che metteva Napoli e provincia in fondo a una classifica per qualità della vita e che tutti hanno ripreso mò che il Sole24Ore ci ha sbattuto al penultimo posto. In molti hanno detto che tu parli tanto bene di Napoli perché non ci vivi, Erri, perché non ti capita di aspettare un pullman o inciampare in una buca o aver paura di metterti l'orologio al polso. E allora c'ho pensato un po' al fatto che andando via si guarda con più indulgenza alla nostra città, che la nostalgia rende lievi i difetti, un po' come i genitori che quando ce li hai in casa litighi dalla mattina alla sera, e quando sei lontano ci vai d'amore e d'accordo. Io per esempio, caro Erri, trovo...

Pubblicato in Napoli

il Pd c'ha preso gusto con i supereroi: ora sfotte il Pdl

PUBBLICATO IL 21 NOVEMBRE 2012 DA Antonella Scutiero

Pubblicato in Senza categoria

Vogliamo Orgia (Meloni)

PUBBLICATO IL 19 NOVEMBRE 2012 DA Antonella Scutiero

Il Pdl perde il pelo (e il capo?), ma a quanto pare non il vizio. (si ride, va)

Pubblicato in Senza categoria

Pd, ci dispiace, non hai X Factor (eppure Morgan ti avrebbe apprezzato)

PUBBLICATO IL 13 NOVEMBRE 2012 DA Antonella Scutiero

Considerazioni in ordine sparso sul confronto di ieri sera, che a quanto pare è stato visto da 1 milione 800mila persone, il che vuol dire di due cose: o il Pd ha 1 milione 800mila elettori disposti a subirseli per due ore, o il Pd è più divertente di Don Matteo. Propendo per la seconda. Che si trattasse di una serata di politainment (che chiamarlo infotainment è troppo) l'avevamo capito quando hanno scelto come location lo studio di X Factor, e migliaia di bimbiminkia, compreso forse il figlio di Renzi, hanno iniziato a sperare che da dietro Bersani spuntassero gli One Direction. Poi, tanto per ribadire che la politica non è una cosa seria, il Pd ha trasformato i candidati nei fantastici 5, riflettendo pure un bel po' sugli accostamenti, perché non può essere casuale che Bersani sia quello figo e la Puppato la donna invisibile. E comunque quella è stata la trovata migliore del giorno. Venendo al dibattito, prontamente hashtaggato csxfactor da Nomfup: cari miei, voi...

Pubblicato in elezioni - Pd - primarie
Dalla nostra HomePage
Rouen, Augé: «Vi spiego la trappola …

Primo attacco a una chiesa. Dopo Charlie, Parigi e Nizza è una svolta simbolica. Augé: «I terroristi non riconoscono l'Europa laica, così ci fanno tornare indietro».

Francia, ostaggi in una chiesa vicino Rouen

Due terroristi francesi attaccano una parrocchia a Rouen. E sgozzano il prete. Uno era stato arrestato nel 2015: voleva arruolarsi nel jihad. L'Isis rivendica. Foto.

Mediaset, ora Berlusconi teme la scalata di Bolloré

Rottura tra il Biscione e Vivendi. Il Cavaliere sospetta una manovra dei francesi. Che sfrutterebbero la debolezza del titolo. Fermandosi prima della soglia Opa.

Napoli, il 'traditore' Higuain e quel coro ormai da ripudiare

Il Pipita va alla Juve. Napoli cancella il ritornello trash da stadio. Che il bomber cantava sotto la curva. Tornerà Ohi vita ohi vita mia? Storia di una disillusione.

Rouen, moschea salafita accanto alla chiesa

Il terrorista che ha sgozzato padre Hamel si sarebbe radicalizzato in rue Guynemer. La stessa via della parrocchia presa d'assalto. Le prime indagini a Saint-Etienne-du-Rouvray dopo la strage al Bataclan.

-->