Yazidi, chi sono e dove vivono

Gruppo di popolazioni ordinate a tribù, di origine e lingua curda e con religione propria. La comunità più ampia si trova in Iraq.

18 Ottobre 2014

La cartina mostra dove vivono gli Yazidi dell'Iraq.

La cartina mostra dove vivono gli Yazidi dell'Iraq.

Con il termine yazidi si indica un gruppo di popolazioni ordinate a tribù, di origine e lingua curda e con religione propria, lo yazidismo.
COS'È LO YAZIDISMO? Lo yazidismo è una religione monoteista. Gli yazidi credono in un Dio sommo ineffabile che è in relazione con il mondo attraverso sette angeli creatori. Il più importante di questi è Melek Taus, l'Angelo Pavone, la figura dominante della religione yazidica. L'Angelo Pavone, padrone del mondo, è l'origine del Bene e del Male.
COME PREGANO? La preghiera, da effettuare due volte al giorno sempre in direzione del Sole, non può essere recitata in presenza di persone estranee al culto di Melek Taus.
QUALI SONO I LORO LIBRI SACRI? Le sacre scritture dello yazidismo sono Kitab al-Jilwa (Libro della Manifestazione) e Mishefa Res (Libro Nero).
PERCHÈ VENGONO PERSEGUITATI? Se i wahabiti hanno dato la caccia agli yazidi in quanto «apostati», i sunniti li chiamano a torto «adoratori del Diavolo». Tutto deriva da un'errata interpretazione della figura di Melek Taus, confuso con l'angelo ribelle della religione islamica, Iblis. Costui, con disubbidiente superbia, aveva rifiutato di adorare l'uomo, malgrado un esplicito ordine divino.
DOVE VIVONO? La popolazione yazida è così distribuita: Iraq 650 mila circa; Siria 50 mila circa; Germania 40 mila circa; Russia 40.586; Armenia 35.272; Georgia 20.843; Svezia 4 mila circa.
CHE LINGUA PARLANO? Curdo (Kurmanji).

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Nessun commento

Per scrivere un commento è necessario registrarsi oppure accedere con Twitter o Facebook: Loggati - Registrati

Dalla nostra HomePage
Csm, una riforma fatta in fretta. Per il referendum?

Revisione del regolamento approvata a marce forzate. Si vuole dare a Renzi un'arma da campagna elettorale? Magistratura indipendente attacca Legnini: «Norme fantasy» e «dibattito poco democratico».

prev
next