Apri/chiudi Tab
Le top 10 news di oggi chiudi
Le inchieste di Lettera43 chiudi
Le grandi interviste di Lettera43 chiudi
L43 - Local L’informazione dalla tua città Invia
TUTTO ITALIA EUROPA AFRICA ASIA NORD-AMERICA SUD-AMERICA OCEANIA Login | Registrati |  Sabato, 23 Agosto 2014- 21.47

Cronaca 

Padre Fedele ora vive sotto un ponte

L'ex frate è senza una casa. «La Chiesa mi ha abbandonato».

GIUSTIZIA

Una decisone drastica: vivere da abbandonato sotto un ponte di Cosenza, con altri cinque poveri. Padre Fedele Bisceglia, l'ex frate francescano condannato in primo grado nel luglio scorso a nove anni di reclusione per violenza sessuale nei confronti di una suora, ha spiegato: «Mi sono stancato di stare dai miei parenti e, non avendo una casa tutta mia, ho deciso di vivere sotto questo meraviglioso ponte. Mi hanno abbandonato tutti, compreso la chiesa locale che non dà risposte alle mie ripetute richieste. E così ho preso un materasso e una coperta e ho raggiunto questi cinque poveri sotto il ponte di Alarico. Sto bene, vivo come San Francesco e ho come coperta il cielo».
ABBANDONATO DALLA CHIESA. Padre Fedele, che sulla vicenda giudiziaria non si è arreso e continua a gridare la sua innocenza, ha inviato anche una lettera al Consiglio superiore della magistratura, al ministro della Giustizia e al capo dello Stato per chiedere un'ispezione nel tribunale di Cosenza.
L'ex frate ha concluso: «Non è carità fraterna quella di non rispondere a un sacerdote che chiede di sapere alcune cose. Dopo aver fondato l'Oasi francescana e aver accolto migliaia di poveri ora sono io a vivere come un abbandonato. Già perché sono stato abbandonato da tutti, principalmente dalla Chiesa».

Mercoledì, 14 Settembre 2011 © RIPRODUZIONE RISERVATA


Commenti (1)

JoyToy 14/set/2011 | 17:56

La questua in chiesa
Ecco perchè sono contro le offerte in chiesa, piuttosto li do io in mano ai poveri, almeno so dove vanno a finire. La chiesa ha anche sfrattato persone povere perchè aumentò gli affitti di appartamenti a loro donati dai fedeli per ospitare poveri e bisognosi. Complimenti!

Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere con Twitter o Facebook: Loggati - Registrati

L’informazione dalla tua città
Invia