Napoli, ucciso il figlio del boss di Pallonetto

De Magistris: «Sono preoccupato, in città si sta sparando molto».

07 Ottobre 2011

La polizia mentre esegue i rilievi sul luogo del delitto il 7 ottobre.

(© ANSA) La polizia mentre esegue i rilievi sul luogo del delitto il 7 ottobre.

Un ragazzo di 18 anni, Ciro Elia figlio di Luciano, capoclan del quartiere Pallonetto di Santa Lucia, è stato ucciso la notte tra il 6 ed il 7 ottobre in un agguato avvenuto in Via Trinità delle Monache.
Una segnalazione giunta al 113 ha indicato la presenza in strada di una persona raggiunta da colpi di pistola.
Gli agenti di una 'volante' hanno trovato Ciro Elia colpito da un proiettile calibro 9x21 alla testa.
Il ragazzo è stato portato dal 118 all'ospedale Loreto Mare, ma è morto poco dopo in sala di rianimazione.
PREOCCUPATO DE MAGISTRIS. In seguito all'omicidio il sindaco della città, Luigi De Magistris ha dichiarato: «Sono molto preoccupato, in città si sta sparando molto, a Scampia, a Secondigliano e ora a Santa Lucia, ma c'é anche la questione dei Gigli di Barra. Bisogna tenere alta la vigilanza».
«E' chiaro che si è aperta una nuova stagione a Napoli», ha aggiuto, «noi siamo molto attenti nel seguire queste vicende e daremo il nostro contributo sui temi della legalità e della lotta alla camorra».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Nessun commento

Per scrivere un commento è necessario registrarsi oppure accedere con Twitter o Facebook: Loggati - Registrati

Dalla nostra HomePage
Matteo Renzi e Pier Carlo Padoan.
Banche, industria e consumi: l'Italia saluta …

Il Paese rischia di chiudere male il 2016. Pil a +0,8%. Domanda interna bloccata. Ordini e importazioni in calo. E così si complica il lavoro di Padoan in Europa.

Terrore, la narcosi della coscienza ci può salvare

Nizza, Monaco, Rouen: ci abitueremo al male. E l'ossessiva ricerca di soluzioni risulta ripetitiva e inefficace. Successe già negli Anni 70. L'analisi di Lia Celi.

Brexit, il Labour tra caso Corbyn e spaccatura

Mentre May vede i leader Ue, Corbyn è alle prese con tensioni interne al partito. L'ala centrista vuole farlo fuori. Con nuove regole. E cresce il rischio scissione.

prev
next