Alphonse Lyoura, l'eroe che a Bruxelles ha salvato sette vite

L'addetto di Zaventem celebrato per il suo coraggio su social e giornali.

23 Marzo 2016

Alphonse Lyoura, l'eroe che ha Bruxelles ha salvato sette persone

(© Ansa) Alphonse Lyoura, l'eroe che ha Bruxelles ha salvato sette persone

Un autentico eroe. È riuscito a trarre in salvo sette persone rimaste ferite nell'attentato all'aeroporto di Zaventem a Bruxelles, persone che se lasciate da sole al loro destino non sarebbero state in grado di sopravvivere.
Il suo nome è Alphonse Lyoura ed è un addetto ai bagagli dello scalo, le cui gesta eroiche sono state immortalate sui social network e sui principali media internazionali. Le fotografie lo mostrano infatti con indosso la sua uniforme fluorescente macchiata del sangue delle persone che è riuscito a trarre in salvo, con tanto di commenti elogiativi nei suoi confronti.
SUL LUOGO DELLE ESPLOSIONI. L'uomo ha raccontato di non essersi scomposto, quasi per nulla, quando ha udito la prima esplosione. Lyoura stava infatti lavorando, come ogni giorno, nella sua area di competenza dello scalo quando è arrivata la prima bomba. Passano solo due minuti e una seconda deflagrazione scuote l'aeroporto. A quel punto è l'inferno: corpi martoriati, gambe mozzate, scene di orrore.
CORPI INERMI A TERRA. Lyoura a quel punto si lancia verso il luogo delle esplosioni. «Ho soccorso sei o sette persone» - ha raccontato - «ho visto dei corpi inermi per terra, alcuni ricoperti di sangue e la gente nel panico più totale». Per nulla impaurito, il dipendente-eroe dello scalo si è dato subito da fare, soccorrendo chiunque si trovasse nelle sue vicinanze.
IL PLAUSO DI TWITTER. «Un uomo aveva perso entrambe le gambe e accanto a lui c'era un poliziotto con un braccio completamente maciullato», ha proseguito Lyoura ancora scioccato, ricordando inoltre di avere sentito delle urla in arabo prima delle due detonazioni. Gesta eroiche che hanno avuto una grande eco sui social network, in particolare su Twitter: molti hanno raccontato della sua impresa coraggiosa sottolineando che comportamenti come quello di Lyoura servono a sminuire l'azione dei terroristi. «Alphonse hai appena esposto il loro fallimento. Se uno di noi in maniera disinteressata aiuta gli altri, allora loro non hanno vinto e non potranno mai vincere», ha scritto un utente, mentre un altro ha aggiunto: «I terroristi creano eroi. L'eroe non si preoccupa per la vostra religione, l'eroe è solo un buon essere umano».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Nessun commento

Per scrivere un commento è necessario registrarsi oppure accedere con Twitter o Facebook: Loggati - Registrati

Dalla nostra HomePage
Rouen, Augé: «Vi spiego la trappola simbolica dell'Isis»

Primo attacco a una chiesa. Dopo Charlie, Parigi e Nizza è una svolta simbolica. Augé: «I terroristi non riconoscono l'Europa laica, così ci fanno tornare indietro».

Mediaset, ora Berlusconi teme la scalata di Bolloré

Rottura tra il Biscione e Vivendi. Il Cavaliere sospetta una manovra dei francesi. Che sfrutterebbero la debolezza del titolo. Fermandosi prima della soglia Opa.

Napoli, il 'traditore' Higuain e quel coro ormai da ripudiare

Il Pipita va alla Juve. Napoli cancella il ritornello trash da stadio. Che il bomber cantava sotto la curva. Tornerà Ohi vita ohi vita mia? Storia di una disillusione.

Rouen, moschea salafita accanto alla chiesa

Il terrorista che ha sgozzato padre Hamel si sarebbe radicalizzato in rue Guynemer. La stessa via della parrocchia presa d'assalto. Le prime indagini a Saint-Etienne-du-Rouvray dopo la strage al Bataclan.

prev
next