Alpinisti dispersi, calano le speranze di salvezza

Nessuna traccia dei tre dopo i voli sopra il Dome des Ecrins.

29 Novembre 2012

Il Dome des Ecrins, vetta alpina a 4 mila metri in Francia.

Il Dome des Ecrins, vetta alpina a 4 mila metri in Francia.

Dopo le ricognizioni del 29 novembre sulla montagna si sono ridotte le possibilità di trovare ancora in vita i tre alpinisti italiani (Damiano Barabino, di Genova, Francesco Cantù, di Lecco, e Luca Gaggianese, di Milano) dispersi da quattro giorni sulle pendici del Dome des Ecrins, nelle Alpi francesi.
«PERLUSTRATI TUTTI I VERSANTI». «Abbiamo perlustrato tutti i versanti» - ha spiegato il comandante del Peloton d'haute montagne di Briançon, Nicolas Colombani - «partendo dal glacier Noir, dal glacier Blanc, dal ghiacciaio della Bonne Pierre, fino a quello della Pilatte nella parte sopra i 3.300 metri di quota. Purtroppo la zona sopra il rifugio Temple Ecrins era coperta dalle nubi, ci riproveremo»
PERICOLO DI VALANCHE ALLENTA RICERCHE. Secondo Colombani, «le possibilità di salvezza dei tre sono legate alle decisioni che hanno preso». Per il 30 novembre non è prevista la partenza di squadre di ricerca a piedi a causa dell'elevato pericolo valanghe.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Nessun commento

Per scrivere un commento è necessario registrarsi oppure accedere con Twitter o Facebook: Loggati - Registrati

Dalla nostra HomePage
Rouen, Augé: «Vi spiego la trappola simbolica dell'Isis»

Primo attacco a una chiesa. Dopo Charlie, Parigi e Nizza è una svolta simbolica. Augé: «I terroristi non riconoscono l'Europa laica, così ci fanno tornare indietro».

Mediaset, ora Berlusconi teme la scalata di Bolloré

Rottura tra il Biscione e Vivendi. Il Cavaliere sospetta una manovra dei francesi. Che sfrutterebbero la debolezza del titolo. Fermandosi prima della soglia Opa.

Napoli, il 'traditore' Higuain e quel coro ormai da ripudiare

Il Pipita va alla Juve. Napoli cancella il ritornello trash da stadio. Che il bomber cantava sotto la curva. Tornerà Ohi vita ohi vita mia? Storia di una disillusione.

Rouen, moschea salafita accanto alla chiesa

Il terrorista che ha sgozzato padre Hamel si sarebbe radicalizzato in rue Guynemer. La stessa via della parrocchia presa d'assalto. Le prime indagini a Saint-Etienne-du-Rouvray dopo la strage al Bataclan.

prev
next