Appalti dimore storiche, forse amianto a Venaria

Si indaga su dove può essere stato smaltito il grattacielo regionale.

08 Ottobre 2013

La reggia di Venaria, fuori Torino.

(© wikipedia) La reggia di Venaria, fuori Torino.

Amianto spostato da un terreno di Torino destinato ad accogliere il grattacielo della Regione, e adoperato nei lavori per la costruzione del nuovo parcheggio della Reggia di Venaria Reale, il quinto complesso museale d'Italia per numero di visitatori.
COLPITI DUE SIMBOLI. C'è anche questo sospetto, «inquietante» per usare le parole del gip, nell'inchiesta sugli appalti che il 7 ottobre ha portato all'arresto dell'ex sovrintendente Francesco Pernice, dell'ex presidente della giunta regionale, all'inizio degli Anni 80, Ezio Enrietti, e ad altre misure cautelari. Un'inchiesta che, come ha detto il vicepresidente della giunta, Gilberto Pichetto, «ha colpito due dei simboli del Piemonte, il nuovo palazzo e la Venaria».
CONTROLLI DEI CARABINIERI. Per questo motivo la giunta regionale ha dato incarico all'avvocatura regionale di valutare l'eventualità di costituirsi parte civile nel procedimento. Il Consorzio della Reggia intanto «smentisce in modo categorico la presenza di amianto e di altre sostanze nocive ed inquinanti», e ha fatto presente che il trasferimento da un cantiere all'altro è stato autorizzato dopo i controlli di Regione, Provincia e Comune di Venaria.
Ma la procura di Torino ha affidato ai carabinieri del nucleo ecologico l'incarico di fare dei prelievi. Sono le intercettazioni a inquietare i magistrati. Pernice, parlando con l'addetto all'ufficio gare della Venaria Reale, ha chiesto: «Al grattacielo? È tutto d'amianto». «Lo portano qua», è stata la risposta. «Lo mettono sotto. Intelligente».
ENRIETTI SOCIO OCCULTO. A svolgere i lavori è la Les, una delle ditte che beneficiavano dei favori sugli appalti, di cui Enrietti è 'socio occulto' e Claudio Santese, anche lui arrestato, l'amministratore. I due hanno parlato di «merda rossa che gli impianti non si prendono» e hanno detto che una parte intendevano spostarla su una strada in costruzione alla periferia di Torino.
OTTO AVVISI DI GARANZIA. Il gip, sulla base di altre intercettazioni, crede che la Regione abbia permesso a Les di «conferire questo materiale a Venaria» prima ancora dell'aggiudicazione della gara. Sono molti i filoni di indagine ancora aperti. Un avviso di garanzia per corruzione è stato inviato a Maria Grazia Ferreri, moglie di Enrietti, direttrice della divisione Patrimonio, altri sette avvisi sono per turbativa d'asta.
Il giudice, fra l'altro, ha invitato la procura ad aprire anche un fronte sulla costruzione stessa del nuovo grattacielo. Di passaggi di denaro per ora non si parla: Pernice ha avuto il suo tornaconto nei lavori di tinteggiatura di casa sua, ma il gip vorrebbe sapere cos'è il «carico di legna» che, in un paio di occasioni, ha detto di dover prendere da un altro degli imprenditori arrestati.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Nessun commento

Per scrivere un commento è necessario registrarsi oppure accedere con Twitter o Facebook: Loggati - Registrati

Dalla nostra HomePage
Brexit, i rappresentanti Uk sgraditi a Bruxelles

Londra temporeggia, ma Juncker vuole il divorzio rapido. Così i gli esponenti britannici dell'Ue si sentono di troppo. E arrivano le prime dimissioni.

prev
next