Bullismo, vittima un ragazzo su due

Una dodicenne si butta dalla finestra per paura di tornare in classe. L'Istat: nel 2015 il 52% degli studenti ha subìto violenze almeno una volta.

18 Gennaio 2016

Una banda di bulli minaccia un ragazzo.

Una banda di bulli minaccia un ragazzo.

Che il periodo della scuola possa essere una fase della vita molto difficile è vero dappertutto. Ma l'Italia si contraddistingue in maniera particolare per la diffusione di un'odiosa tendenza, il bullismo, che può rendere l'esistenza davvero impossibile per chi lo subisce.
Lunedì 18 gennaio, una ragazzina di 12 anni si è gettata dal secondo piano della propria abitazione restando ferita in modo grave. Prima di lanciarsi nel vuoto, la piccola ha lasciato due lettere sulla scrivania: una ai genitori, scusandosi per il gesto; l'altra ai compagni di classe, con una frase emblematica, «adesso sarete contenti».
«Oggi dovevo tornare a scuola dopo la malattia, ma io non ce la facevo a rientrare in quella classe. Avevo paura di urlare al mondo i miei timori e così ho deciso di farla finita». È quanto ha raccontato la dodicenne, da terra, dove era ferita ma lucida alla prima persona che l'ha soccorsa, un vicino di casa.
UN RAGAZZO SU DUE HA SUBITO BULLISMO. È considerato bullismo quell'insieme di vessazioni, offese, minacce, atteggiamenti aggressivi, maldicenze che può spingersi fino alle violenze e che riguarda soprattutto gli ambienti scolastici e giovanili. L'Istat ha tracciato a fine 2015 un profilo delle giovani vittime, che vede un ragazzo su due (52,7%) nell'ultimo anno preso di mira almeno una volta dai bulli e circa uno su dieci (9,1%) che ha subito atti di bullismo con cadenza settimanale. Le vittime sono per lo più ragazze, giovanissimi (11-13 anni) e residenti al Nord. Le femmine, inoltre, sono più spesso bersaglio di cyberbullismo, cioè quello compiuto attraverso il web e le nuove tecnologie.
LE PRIME VITTIME SONO LE FEMMINE. Oltre il 55% delle giovani 11-17enni è stata oggetto di prepotenze qualche volta nell'anno, mentre per il 20,9% le vessazioni hanno avuto almeno una cadenza mensile e per il 9,9% settimanale (contro,rispettivamente, il 49,9%, il 18,8% e l'8,5% dei coetanei maschi).
Tra le 11-17enni si registra una quota più elevata di vittime di cyberbullismo: il 7,1% delle ragazze che si collegano al web o dispongono di un cellulare sono state oggetto di vessazioni continue, contro il 4,6% dei ragazzi.
Le vittime assidue di soprusi raggiungono il 23% degli 11-17enni nel Nord. Considerando anche gli episodi sporadici, sono oltre il 57% le vittime residenti al Nord, contro una quota inferiore al 50% nel centro e al sud.
In generale, il rischio bullismo diminuisce con l'aumento dell'età: il 22,5% degli 11-13enni è vittima di vessazioni continue, rispetto al 17,9% dei 14-17enni. I più giovani sono anche i più esposti al cyberbullismo.
ZONE DISAGIATE PIÙ A RISCHIO. Sul dato generale incide anche la zona di residenza: in aree molto disagiate si registra la quota più elevata di vittime (23,3%) di prepotenze assidue. Ma come si manifesta il fenomeno? Le prepotenze più comuni consistono in offese con brutti soprannomi, parolacce o insulti (12,1%), derisione per l'aspetto fisico e/o il modo di parlare (6,3%), diffamazione (5,1%), esclusione per le proprie opinioni (4,7%). Aggressioni con spintoni, botte, calci e pugni sono denunciate dal 3,8% dei ragazzi. Il 16,9% degli 11-17enni è rimasto vittima di atti di bullismo diretto e il 10,8% di azioni indirette, prive di contatti fisici. Tra le ragazze è minima la differenza tra prepotenze dirette e indirette (rispettivamente 16,7% e 14%). Al contrario, tra i maschi le forme dirette (17%) sono più del doppio di quelle indirette (7,7%).
COLPITI I RAGAZZI SOLI. Sul fenomeno incidono la solitudine (il 23,6% degli 11-17enni che si vedono raramente con gli amici é rimasto vittima di prepotenze, contro il 18% tra chi incontra gli amici quotidianamente) e il tipo di studi: tra gli studenti delle superiori, i liceali sono in testa (19,4%); seguono gli studenti degli istituti professionali (18,1%) e quelli degli istituti tecnici (16%). Infine, il 63,3% dei ragazzi è stato testimone di atti di bullismo, percentuale che sale a 2 ragazzi su 3 al Nord. In generale, il 26,7% dei ragazzi dichiara di avervi assistito una o più volte al mese.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Nessun commento

Per scrivere un commento è necessario registrarsi oppure accedere con Twitter o Facebook: Loggati - Registrati

Dalla nostra HomePage
Van der Bellen, presidente di un'Austria spaccata

Austria, vince il candidato dei Verdi. Con lui donne, laureati, abitanti delle città. Con Hofer uomini, operai e montanari. La sfida ora sarà mettere tutti d'accordo.

Calcioscommesse, 36 anni di scandali italiani in grafici

Ombra camorra sulla B, indagato Izzo. Il Totonero nel 1980, l'inchiesta dell'86, Scommessopoli 2011 e Dirty soccer 2015: i match venduti nel nostro campionato.

prev
next