LA TRAGEDIA

Cade aereo vicino ad Alessandria, due morti

Le vittime Angelo Rocca, produttore vitivinicolo, e la moglie.

08 Ottobre 2012

Un aereo ultraleggero è precipitato nella mattinata di lunedì 8 ottobre nella zona di Lobbi, a una decina di chilometri da Alessandria. Le due persone a bordo erano Angelo Rocca, 64enne proprietario dell'azienda vitivinicola Albino Rocca di Barbaresco (Cuneo), una delle più conosciute della zona, e la compagna Carmela Mazza. Fino a sera, la Questura di Alessandria non ha confermato l'identità delle due vittime, sottolineando che mancano ancora elementi di assoluta certezza.
ANCORA IGNOTE LE CAUSE. Il piccolo aereo era decollato da Costigliole, in Piemonte, ed era diretto a Cizzago, in provincia di Brescia. Stava sorvolando l'area di Alessandria mentre la zona era coperta da una una fitta nebbia. L'aereo è caduto in una zona di campagna, in un punto non lontano dall'autostrada A21 Torino-Piacenza. Nell'impatto con il suolo si è incendiato. Ancora imprecisate le cause dell'incidente.
IMPORTANTE FIGURA DEL MONDO VINICOLO. Albino Rocca era molto noto sia come produttore, sia come appassionato e protagonista del mondo del vino, in particolare del Barbaresco. La sua famiglia coltiva e produce vini di altissima qualità da oltre un secolo, con vigneti che si estendono per oltre venti ettari nelle zone più vocate del Barbaresco e di Alba (Cuneo). L'azienda ha ottenuto numerosi riconoscimenti nel corso degli anni, in particolare dalle guide enologiche italiane e straniere.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Nessun commento

Per scrivere un commento è necessario registrarsi oppure accedere con Twitter o Facebook: Loggati - Registrati

Le TOP 5 di oggi
1. ATTACCO Obama: «Nessun dittatore ci imporrà la censura» 2. IN AULA Legge di Stabilità, maxi-emendamento e fiducia 3. SENTENZA Discarica Bussi, tutti assolti i 19 imputati 4. PANICO Terremoto in Toscana: scosse avvertite a Firenze 5. SVOLTA Mafia Capitale, sequestrati beni per 100 milioni a un imprenditore
Dalla nostra HomePage
Barack ObamaATTACCO
Obama: «Nessun dittatore ci imporrà la censura»

Per l'Fbi c'è Pyongyang dietro l'attacco hacker. E il presidente Usa va alla carica: «Non possono imporci la censura». Sul ritiro del film: «Una scelta sbagliata».

L43 Twitter
prev
next