Cagliari, giudice ordina diagnosi preimpianto

Ospedale obbligato a eseguire il test.

15 Novembre 2012

Ricerca sulla procreazione assistita.

(© ANSA) Ricerca sulla procreazione assistita.

Per la prima volta dall'entrata in vigore della legge 40 sulla fecondazione assistita, un giudice ha riconosciuto il diritto di poter fare la diagnosi preimpianto.
DONNA MALATA DI TALASSEMIA. Il 15 novembre il tribunale di Cagliari ha autorizzato una coppia, lei malata di talassemia major, lui portatore sano, di eseguire il test all'ospedale microcitemico del capoluogo sardo.
La donna - affetta da una malattia del sangue che porta a un difetto nella sintesi dell'emoglobina - aveva chiesto al centro ospedaliero di eseguire la diagnosi per evitare l'impianto di un embrione malato e si era rivolta alla Corte Costituzionale, che però non si era pronunciata.
OBBLIGO PER TUTTI I CENTRI. A seguito della decisione del tribunale di Cagliari, tutti  i centri pubblici di procreazione assistita saranno obbligati a effettuare il test di diagnosi preimpianto sugli embrioni nel caso una  coppia dovesse richiederlo e, qualora non fossero attrezzati per poterlo fare, dovranno ricorrere ad altre strutture sanitarie assicurando comunque il servizio.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Nessun commento

Per scrivere un commento è necessario registrarsi oppure accedere con Twitter o Facebook: Loggati - Registrati

Dalla nostra HomePage
Margrethe Vestager
Vestager, la donna incubo delle …

Vuole scucire ad Apple 13 miliardi. E inchioda Google, Fiat, Starbucks, Gazprom. Così la commissaria Vestager prova a dimostrare che l'Ue non è solo burocrazia.

prev
next