Elezioni Irlanda, per gli exit poll governo senza maggioranza

Secondo i primi exit poll dell'emittente Rte, il partito di centrodestra Fine Gael del premier Enda Kenny è al 24,8% e gli alleati laburisti al 7,8%. Sinn Fein terzo partito.

27 Febbraio 2016

Il governo irlandese paga lo scotto delle politiche di austerity che ha causato forti malumori, soprattutto dopo l'introduzione delle imposte sull'acqua. Secondo i primi exit poll relativi alle elezioni politiche dell'emittente Rte, il partito di centrodestra Fine Gael del premier Enda Kenny è al 24,8% e gli alleati laburisti al 7,8%. Lontana quindi la maggioranza del 41-42% necessaria per formare il nuovo governo.
I risultati di entrambi i partiti segnano un forte calo rispetto alle elezioni del 2011, quando Fg ha ottenuto il 36,1% e i Labour con il 19,5%. 
LO SINN FEIN TERZO PARTITO. In crescita invece il centrodestra di Fianna Fail che si attesta al 21,1%, più 4,5 punti rispetto alle precedenti politiche, mentre l'indipendentista Sinn Fein di Jerry Adams, tradizionalmente considerato legato all’Ira, diventa il terzo partito con il 16%, in aumento di sei punti percentuali. Altri piccoli partiti sono il 31%.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Nessun commento

Per scrivere un commento è necessario registrarsi oppure accedere con Twitter o Facebook: Loggati - Registrati

Dalla nostra HomePage
Angela Merkel e Matteo Renzi a Maranello. Nel riquadro, l'analista politica Rosa Balfour.
Flessibilità, perché l'asse italo-tedesco …

Il premier vede Merkel. Ma per allentare il patto di stabilità «serve un progetto coi socialisti Ue», dice l'analista Balfour. Come su migranti e Brexit. Lo spunto.

Vestager, la donna incubo delle multinazionali

Vuole scucire ad Apple 13 miliardi. E inchioda Google, Fiat, Starbucks, Gazprom. Così la commissaria Vestager prova a dimostrare che l'Ue non è solo burocrazia.

prev
next