Family Day 2016, sfida in piazza alle unioni civili

Maxi raduno al Circo Massimo. Per «rottamare» il ddl Cirinnà. Gli organizzatori esagerano: «Siamo 2 mln». In realtà sono al massimo 300 mila. Foto.

30 Gennaio 2016

Sì alla famiglia tradizionale, no alle unioni civili. 
Sono questi i temi principali del Family Day 2016. «Due milioni di persone» secondo gli organizzatori, molte meno per altri, si sono radunate al Circo Massimo a Roma per contestare il ddl Cirinnà su unioni omosessuali e stepchild adoption (l'adozione del figlio del partner).
Una manifestazione opposta a quelle che si sono svolte la settimana prima in tante piazze italiane per il riconoscimento dei diritti alle coppie di persone dello stesso sesso. 
«VIETATO ROTTAMARE LA FAMIGLIA». Nel mirino anche il premier Matteo Renzi, a cui sembra indirizzato lo striscione alla base del palco con la scritta «Vietato rottamare la famiglia».
ALFANO: «PIENA ADESIONE». Il ministro dell'Interno Angelino Alfano ha incontrato al Viminale Massimo Gandolfini, il portavoce del comitato 'Difendiamo i nostri figli' che ha organizzato il Family Day, e ha espresso «piena adesione agli obiettivi della manifestazione». 
PRESENTE ANCHE CASAPOUND. Anche CasaPound ha partecipato al raduno al Circo Massimo: un centinaio di militanti senza bandiere del movimento di estrema destra hanno esposto uno striscione con la scritta «Madre, padre, figlio, famiglia, popolo, nazione, identità, libertà».
2 MLN O 300 MILA? Punti di vista dissonanti sui numeri del raduno. «Volevo annunciarvi che siamo due milioni», ha annuncianto Gandolfini prendendo la parola dal palco al Circo Massimo a Roma. Quindi l'organizzatore ha attaccato: «Il ddl Cirinnà sia totalmente restituito: non bastano operazioni di maquillage».
La stima sui numeri della piazza è stata invece contestata dal Franco Grillini, presidente di Gaynet Italia secondo cui «le bugie del Family Day sul numero dei partecipanti servono per mascherare una manifestazione triste e sottotono». La piazza del family day «non era piena, i tg hanno mostrato impietosamente i pezzi di prato verde non occupato dalle persone e poi basta consultare qualsiasi motore di ricerca per avere una idea della quantità delle persone che quella piazza può contenere: la dimensione del Circo Massimo è di 73 mila mq, 621 metri di lunghezza per 118 di larghezza. Poniamo che in un mq ci stiano a forza 4 persone, si arriva ad un massimo di 300 mila persone. Quindi era già impossibile parlare di un milione, figurarsi di due».
SITO ATTACCATO DA ANONYMOUS. Intanto il sito del Family Day 2016 è rimasto bloccato tutta la notte dopo un attacco hacker di Anonymous che ha rivendicato l'azione su Twitter. Sulla home page del sito, tornata raggiungibile la mattina del 30 gennaio, compariva la scritta «Stop Omophobia. Love is love».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Canoi 31/gen/2016 | 13 :48

Il successo dell'assemblea fa ben sperare, detto in due parole a me sembra che sia tornata la Democrazia Cristiana; s'intende dal punto di vista sociale, culturale non ancora politico come organizzazione per il consenso. Il panorama politico, mi pare di averlo già scritto su L43, è una "morta gora" a dx, al centro, a sinistra. A pensarci bene ieri abbiamo misurato che manca in Parlamento la rappresentanza della maggioranza degli Italiani. Non si può pensare che la Conferenza Episcopale si attrezzi in prima linea ma certo non mancherà di far valere il suo sostegno se si farà avanti qualcuno di "buona volontà".

Per scrivere un commento è necessario registrarsi oppure accedere con Twitter o Facebook: Loggati - Registrati

Dalla nostra HomePage
prev
next