Fedez, rissa col vicino per la musica troppa alta

Troppo rumore dal appartamento: il rapper litiga col vicino e finisce in ospedale per una contusione alla mandibola. Poi rassicura i fan con un video su Fb: «Media esagerati, sto benissimo».

12 Marzo 2016

(© Ansa)

Un litigio in piena notte, sfociato in scazzottata. Protagonisti Fedez e il suo vicino di casa, infastidito dalla musica troppo alta che proveniva dall'appartamento del rapper. Attorno alle sei di questa mattina, il dirimpettaio avrebbe bussato alla porta di casa del cantante, dove si stava svolgendo una festa, per lamentarsi del volume elevato. Nel giro di poco, però, la discussione si è trasformata in rissa, costata un trauma alla mandibola per Fedez e un trauma facciale per il vicino, entrambi trasportati all'ospedale.
LA VIDEO-RASSICURAZIONE SU FB: «STO BENISSIMO». Nel giro di poco tempo ovviamente la notizia ha fatto il giro del web, via via ingigantendosi. Ma è stato Fedez a rassicurare fan e detrattori coun un video-messaggio su Facebook. «Volevo rassicurare i fans, sto benissimo. E a tutti i detrattori che gioivano di questa aggressione sarà per la prossima volta».
«Mi ha appena chiamato mia nonna - ha spiegato - per dirmi che al telegiornale poco prima di dare una notizia sul Papa avrebbero asserito che io sarei tra l'ospedale e l'obitorio senza mandibola dopo una festa incredibile. Io sono veramente lusingato delle attenzioni dei media italiani ma ovviamente l'esagerazione fa sempre molta più notizia».

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Nessun commento

Per scrivere un commento è necessario registrarsi oppure accedere con Twitter o Facebook: Loggati - Registrati

Dalla nostra HomePage
Duello Clinton-Trump, le cose da sapere

Sempre più vicini nei sondaggi. Hillary deve ritrovare la fiducia degli elettori. Donald corteggia i moderati. I temi della sfida in tivù da 100 milioni di spettatori.

Csm, la riforma non elimina il potere delle correnti

Approvato il nuovo regolamento. Per il vicepresidente Legnini palazzo dei Marescialli diventa una «casa di vetro». Ma Galoppi (MI): «Si poteva fare di più»

prev
next