Finale Ligure, trovato inedito di Verdi

Si tratta di una copia del Tantum Ergo.

11 Giugno 2013

Giuseppe Verdi.

Giuseppe Verdi.

Un inedito di Giuseppe Verdi è stato ritrovato a Finale Ligure, in provincia di Savona. Si tratta di una copia non autografa di un 'Tantum ergo a voce di basso' che non corrisponde a nessuno dei 'Tantum ergo' presenti nel catalogo delle opere del compositore del quale nel 2013 ricorre il bicentenario della nascita. Il 'Tantum Ergo Sacramentum' è un inno liturgico usato per la celebrazione della solennità del Corpus Domini.
FONDO DONATO NEL 2005. L'inedito è stato ritrovato da Flavio Menardi, direttore della Mediateca Finalese e della Sezione musicale di conservazione e da Italo Vescovo, docente di composizione presso il Conservatorio di Fermo.
Il manoscritto fa parte di un corposo fondo antico che nel 2005 la Società Filarmonica di Finalborgo ha depositato presso la Sezione musicale di conservazione della Mediateca finalese che ha avviato un lavoro di riordinamento dei manoscritti. Nel corso di questa indagine è stato ritrovato il lavoro verdiano.
PRESENTATO IL 30 LUGLIO. Dopo aver effettuato le verifiche del caso, i due studiosi hanno subito intrapreso lo studio del manoscritto (partitura e parti), la sua trascrizione e collazione in vista di una prossima edizione critica. La prima esecuzione assoluta del 'Tantum ergo' è prevista nel corso di un concerto verdiano vocale e strumentale all'interno della nona edizione della stagione musicale della città di Finale Ligure, 'Percorsi Sonori'. L'appuntamento è fissato per il 30 luglio alle ore 21.30 nella Basilica di San Giovanni Battista a Finalmarina e vedrà la partecipazione del soprano Anna Delfino, del baritono Bruno Pestarino, dell'Orchestra Classica di Alessandria e del Coro 'Mario Panatero' di Alessandria sotto la direzione di Maurizio Fiaschi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Nessun commento

Per scrivere un commento è necessario registrarsi oppure accedere con Twitter o Facebook: Loggati - Registrati

Dalla nostra HomePage
Csm, la riforma non elimina il potere delle correnti

Approvato il nuovo regolamento. Per il vicepresidente Legnini palazzo dei Marescialli diventa una «casa di vetro». Ma Galoppi (MI): «Si poteva fare di più»

prev
next