Funerale Nelson Mandela: volo di Stato per 20

In Sudafrica sono volati Letta e Boldrini. Con 20 persone al seguito.

di

|

12 Dicembre 2013

Il volo di Stato è ripartito da Johannesburg alle nove della sera. Una trasferta lampo.
Italia-Sudafrica e ritorno in appena 24 ore per il primo ministro Enrico Letta e la delegazione italiana volata, con altri 90 leader di Stato, alla cerimonia in commemorazione di Nelson Mandela. E che delegazione.
I LEADER DEL MONDO A SOWETO. Il 10 dicembre, nella tribuna d'onore dello stadio di Soweto, c'era un'autentica folla: si potevano vedere i leader del globo (quasi) al completo. A partire da Barack Obama, sorpreso a fotografarsi con il primo ministro inglese David Cameron e la premier danese Helle Thorning Schmidt, ma accompagnato sull'Air Force One dalla moglie Michelle e, solo per fare i nomi che contano, dall'intera famiglia Clinton - Hillary, Bill e la figlia Chelsea - e dall'ex presidente George W. Bush con consorte.
CIRCA 20 PASSEGGERI DA ROMA. Il Falcon partito da Roma portava invece due rappresentanti della Repubblica italiana: Letta, come previsto da protocollo, e la presidente della Camera Laura Boldrini che, a quanto ha appreso Lettera43.it, «ci teneva moltissimo» a presenziare ai funerali dell'icona anti apartheid.
Ma i due non erano soli. Considerando il seguito, il numero dei passeggeri del volo di Stato italiano arrivava a circa una ventina di persone.

A quanto si apprende, ad accompagnare il premier c'era infatti una discreta comitiva.
LETTA: IN SETTE PIÙ LA SCORTA. A partire dalla moglie Gianna Fregonara, nel ruolo della first lady; poi il portavoce di Letta, il fotografo ufficiale della presidenza del Consiglio, il consigliere diplomatico (che gestisce abitualmente i rapporti con le delegazioni straniere), tre funzionari del cerimoniale (coloro che si occupano di preparare la visita prima dell'arrivo, organizzare la logistica del soggiorno e gli appuntamenti del primo ministro) e, infine, la scorta.
BOLDRINI: IN 5 PIÙ LA SCORTA. Nella delegazione della presidente della Camera, invece, figuravano il compagno Vittorio Longhi, il responsabile della comunicazione, il portavoce, la consigliera per le relazioni internazionali e la scorta.
Montecitorio, però, non ha speso fondi per la trasferta: stando a quanto risulta a Lettera43.it il costo totale del viaggio per la presidente della Camera e lo staff è stato zero. Il conto è stato pagato da Palazzo Chigi. Salato, forse, ma improntato a una certa austerity: tutti i membri della delegazione hanno dormito (e, pare, mangiato) a bordo dell'aereo. Anche perché la mattina dell'11 dicembre il premier e Boldrini dovevano essere a Roma prestissimo per il voto di fiducia.
ANCHE DAGLI ALTRI PAESI IN GRAN NUMERO. Va detto che non era solo l'aereo italiano a essere affollato. Il premier inglese David Cameron è arrivato con l'alleato Nick Clegg, e gli ex primi ministri John Major e Tony Blair, si presume con la consueta folla di accompagnatori. Da Parigi è arrivato il presidente François Hollande, in compagnia di Valérie Trierweiler e del suo predecessore Nicolas Sarkozy, oltre allo staff. E dalla Grecia, hanno fatto notare i ben informati, sono partiti persino ex ministri: oltre al premier Antonis Samaras, c'era l'ex titolare degli Esteri.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Simone Mongittu 15/dic/2013 | 22 :36

Correzione
Nell' articolo scrivete che hanno usato il Falcon, ma i Falcon dell' areonautica portano da 6 a 8 persone. Se erano in 20 probabilmente hanno usato l' Airbus a319 da 124 posti. In sostanza se andava Letta con solo il suo staff avrebbero preso il Falcon e speso meno di 1/4 con la Boldrini e il suo staff 4 volte tanto.

Alfredo Iannuzzi 14/dic/2013 | 07 :07

cioe'
sempre noi!
Che paghi la Csamera o Palazzo Chigi sempre soldi nostri sono

gallero 13/dic/2013 | 15 :42

sprechi su sprechi,il conto non torna,i nostri despoti,purtroppo,si
citizen ha pienamente ragione,non abbiamo bisogno di questi governanti,che c'inzecca l'aparthaid con l'Italia?questi,in procinto di fare una finanziaria lacrime e sangue(e non è la prima,nè l'ultima,evidentemente,servono altri soldi per pagare il viaggio sui conti Chigi),e alla faccia dei forconi che piangono,e non solo loro,a total carico dei cittadini,non di tasca loro,vanno a sperperare soldi per presenziare di persona in Africa,e a favore di chi?quali italiani avrebbero tratto giovamento dalla lottra all'apartheid?:abusi di potere,il popolo queste spese non le ha deliberate,e nessuno ci metterebbe i soldi lui,perlomeno,non si ha notizia che qualche privato elettore abbia versato la somma scialata dai suoi..rappresentanti;ma allora,chi rappresentano esattamente questi..rappresentanti?se stessi?

Canoi 13/dic/2013 | 10 :56

Risparmiare.
Ve lo potevate risparmiare questo articolo esplicitamente volto a segnalare presunti comportamenti non corretti dei nostri massimi governanti. La censura giornalistica accontenta qualche lettore e infastidisce qualche alto; in termini di consenso per la testata, se va bene, chiude alla pari. Il lettore che si sente infastidito dall'atteggiamento "catonesco" si fa una brutta opinione, che resta.

citizen john 12/dic/2013 | 20 :24

ma non potevano
rimanere lí? qui sarebbe stato un giorno di gran festa.

Per scrivere un commento è necessario registrarsi oppure accedere con Twitter o Facebook: Loggati - Registrati

Dalla nostra HomePage
Terrore, la narcosi della coscienza ci può salvare

Nizza, Monaco, Rouen: ci abitueremo al male. E l'ossessiva ricerca di soluzioni risulta ripetitiva e inefficace. Successe già negli Anni 70. L'analisi di Lia Celi.

Napoli, il 'traditore' Higuain e quel coro ormai da ripudiare

Il Pipita va alla Juve. Napoli cancella il ritornello trash da stadio. Che il bomber cantava sotto la curva. Tornerà Ohi vita ohi vita mia? Storia di una disillusione.

prev
next