RADIOVATICANA

Gay, Vaticano: «I bambini non sono una merce»

Mons Paglia: «La famiglia è patrimonio dell'umanità».

12 Gennaio 2013

Non si placano le polemiche sulla possibilità di adottare un bambino da parte di una coppia gay. Per il presidente del Pontificio consiglio della famiglia Vincenzo Paglia «l'adozione dei bambini da parte degli omosessuali, porta il bambino ad essere una sorta di merce, cioé: come ho diritto a questo, ho diritto anche a quell'altro». Il 'ministro' vaticano per la famiglia lo ha detto in una intervista alla Radiovaticana sulla manifestazione che si svolgerà domani 13 gennaio in Francia contro la proposta di legge del ministro Hollande di introdurre le nozze gay con diritto all'adozione.
Nella ampia intervista all'emittente pontificia mons. Paglia non cita la sentenza della Cassazione italiana di ieri, che sta continuando a suscitare polemiche e a cui il quotidiano dei vescovi Avvenire ha dedicato la prima pagina del 12 gennaio parlando di «una sentenza ambigua che crea sconcerto».

«Il matrimonio e la famiglia non sono la realtà di un gruppo ma patriomonio dell'umanità»

Secondo Paglia «il bambino deve nascere e crescere all'interno di quella che - da che mondo è mondo - è la via ordinaria, cioé con un padre e una madre. Il bambino deve crescere in questo contesto».
«Ora, purtroppo, accade in effetti che a volte ci siano situazioni drammatiche, ma attenzione: la patologia è una cosa, e inficiare questo principio è pericolosissimo, per il bambino anzitutto, ma per l'intera società. Faccio un solo esempio: che un padre e una figlia debbano volersi bene, è ovvio, e questo amore deve crescere. Ma non posso pretendere che questo amore diventi amore coniugale, perché altrimenti squilibriamo tutto e andremmo nella Babele delle parole che è la spiaggia del baratro per la stessa società. Mi pare molto intelligente», osserva mons. Paglia.
L'APPOGGIO ALLA CHIESA FRANCESE. «Innanzitutto, l'atteggiamento dell'Episcopato francese, e cioé far comprendere che il matrimonio e la famiglia non sono la realtà di qualcuno: è la realtà dell'umanità. In questo senso, che la Chiesa promuova l'evento assieme a tanti altri - ma senza che i vescovi ne siano loro in prima persona i promotori - mi pare molto saggio; ed è anche il motivo per cui la Chiesa deve interessarsene: perché, appunto, non è una questione di un gruppo, ma è patrimonio dell'umanità intera! E fiaccare o inficiare la robustezza del matrimonio e della famiglia, è assolutamente cruciale per il futuro dell'umanità».
NO AL LINGUAGGIO NEUTRO. Con formule che promuovono in linguaggio neutro, per cui non si parla più di padre e madre ma di genitore A e genitore B, secondo il ministro del Papa per la famiglia «rischiamo solo il ridicolo», perché «l'uguaglianza è una cosa, il rispetto della diversità è altro perché proprio per avere un'uguaglianza robusta è necessario rispettare le diversità».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lory64 13/gen/2013 | 16:14

Vaticano
"GIU' LE MANI DAI BAMBINI".......indiscutibilmente i bambini non si toccano:peccato che una frase come questa pronunciata da un'istituzione che per secoli ha protetto suoi esponenti pedofili e pervertiti che i bambini li toccavano e non solo,come continuano a fare tutt'ora,suoni veramente stonata!
Quindi,prima di tuonare,sarebbe opportuno un bell'esame di coscienza:l'amore non ha sesso né colore,è solo amore e se la società fosse pronta a mutare il suo atteggiamento discriminatorio e ignorante,non si dovrebbero più leggere articoli di giornale sull'argomento.

Per scrivere un commento è necessario registrarsi oppure accedere con Twitter o Facebook: Loggati - Registrati

Le TOP 5 di oggi
1. PROTESTA Cgil, corteo a Roma: Camusso rilancia lo sciopero generale 2. REPLICA Leopolda, Renzi: «Ascoltiamo la piazza, ma non ci ferma» 3. DIRITTI Iran, Reyhaneh Jabbari è stata impiccata 4. CRONACA Incidente stradale sulla A1 vicino a Roma: ci sono morti 5. ANTICIPO Serie A, Sampdoria-Roma 0-0
Dalla nostra HomePage
L43 Twitter
prev
next