Guardia di finanza e corruzione, Vincenzo Cerceo: «Problema endemico»

Il vicepresidente dei finanzieri democratici: «Corruzione pesante».

di

|

11 Giugno 2014

Prima il Mose, poi i controlli fiscali pilotati. Vito Bardi dopo Emilio Spaziante. La guardia di finanza è tornata al centro di scandali, tangenti, corruzione, come non succedeva dai tempi di Tangentopoli. «Niente di nuovo», ha spiegato a Lettera43.it Vincenzo Cerceo, colonnello in congedo delle Fiamme gialle, vicepresidente del Movimento dei finanzieri democratici. Con l'associazione di cui fa parte si impegna da anni in una riforma del corpo e nella lotta alla corruzione interna allo stesso.

  • Vincenzo Cerceo, vicepresidente del Movimento dei finanzieri democratici.

DOMANDA. Spaziante per il Mose, Bardi per corruzione, si moltiplicano i nomi di finanzieri indagati. Come se lo spiega?
RISPOSTA.
Non è un fenomeno nuovo, anche se si sta manifestando ora in maniera massiccia. Periodicamente la guardia di finanza è stata soggetta a scandali pesantissimi.
D. Nessuna sorpresa dunque?
R.
Bardi, in realtà, mi meraviglia un po'... Ma la corruzione è un fatto quasi endemico nel corpo. Basta ricordarsi lo scandalo petroli negli Anni 70 (300 miliardi di imposte furono sottratti al fisco in un giro di contrabbando di oli minerali, ndr), quando furono arrestati il comandante generale Giudice e il capo di Stato maggiore, il generale Loprete.
D. E poi?
R.
Poi c'è stata la P2, con due comandanti generali e tre comandanti in seconda iscritti, oltre a una quarantina di ufficiali. E ancora Tangentopoli, a Milano. È un fenomeno ricorrente, questa è solo l'ennesima tornata di scandali.
D. Perché succede?
R.
Anni fa un giudice di Pinerolo disse che c'è una componente genetica che predispone i finanzieri alla corruzione. In realtà, l'unica spiegazione che mi do, è che si tratta delle forze dell'ordine che operano a più stretto contatto con i giri di affari e grandi somme di denaro.
D. Si può indicare l'inizio di questa degenerazione in un particolare momento storico?
R.
Nel '58, ci fu lo scandalo del banchiere Giuffrè. E già in quel caso erano coinvolti esponenti della guardia di finanza. Difficile trovare un inizio. Speravamo ci potesse essere una fine, ma continua a ripresentarsi e coinvolge i più alti gradi del corpo.
D. Ma la guardia di finanza è così marcia?
R.
Io sono fuori da anni, ma dagli scandali che emergono non mi sembra sia cambiato molto. E quando c'ero io la situazione era molto pesante.
D. Quindi non è solo un luogo comune?
R.
No. Chi faceva servizio dentro al corpo, all'epoca, avvertiva fortemente questa tendenza alla corruzione.
D. Ma dentro al corpo ci sarà pure qualcuno che parla e si mette in gioco per cambiare le cose.
R.
Sì, in passato c'è stato. Lo scandalo petroli scoppiò per le rivelazioni del capitano Antonio Ibba, che non si piegò al sistema e lo denunciò. Purtroppo devo dire che il comando generale e gli altissimi gradi raramente hanno fatto altrettanto.
D. E come si può risolvere il problema?
R.
Per esempio limitando la discrezionalità nel trasferimento degli ufficiali che non si piegano alla corruzione.
D. E la politica cosa può fare?
R.
Dopo Tangentopoli noi chiedemmo l'istituzione di una commissione parlamentare che indagasse sul grado di coinvolgimento degli alti vertici del corpo. Sarebbe stato un buon punto di partenza, ma l'allora presidente della Camera Luciano Violante disse che andava tutto bene e non ci sarebbe stata alcuna inchiesta.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

new zealand 12/giu/2014 | 18 :03

La Guardia di Finanza ha 10 sono generali di corpo d'armata? Sembra una barzelletta
lSembrano l'esercito italiano durante la II Guerra Mondiale, quando aveva 10 copi d'armata!! Solo lo spropositato numero di alti ufficiali fa capire la scarsa serietà e il livello di corruzione: "se non mi promuovi al grado più alto, dico quello che so!!". Tra tutte le forze armate, la G.d.F pare essere la peggiore. Mi spiace per i poveri agenti che per 1300€/mese fanno il loro dovere seriamente e ci mettono la faccia.

Redazione Movimento 12/giu/2014 | 08 :53

La Guardia di Finanza e la corruzione.
Buongiorno a tutti,
sono il presidente dei Finanzieri Democratici e vorrei integrare quanto già autorevolmente affermato dal Colonnello Cerceo.
Forse pochi sanno che il nostro è l'unico Paese al mondo a possedere ben 6 corpi di polizia (Carabinieri, Polizia di Stato, Guardia di Finanza, Polizia Penitenziaria, Corpo Forestale, Capitanerie di Corpo), con sei autonome strutture che costano ai contribuenti svariati miliardi di euro. In rapporto alla popolazione l'Italia ha più generali e colonnelli degli Stati Uniti d'America, una nazione quest'ultima notoriamente impegnata anche su vari fronti di guerra che, per fortuna, il nostro Paese non ha.
La Guardia di Finanza ha in organico ben 3.225 ufficiali, ovvero uno ogni 8,6 dipendenti dei gradi più bassi (appuntati e finanzieri), di cui almeno uno di questi funge da autista - a tempo pieno - per uno di questi ufficiali. L'organico dei generali è ancora più impressionante: sono 104, di cui ben 10 sono generali di corpo d'armata, cioè persone che costano agli italiani quanto un parlamentare o un consigliere regionale della Sicilia o della Lombardia. Sì, perchè ai generali, oltre allo stipendio ed all'auto blu con relativo autista, viene anche concesso un enorme appartamento - cosiddetto "alla carica" - sul quale non paga un proporzionato affitto. Considerati anche gli altri benefit di cui godono i generali non vi sarebbe alcuna ragione per la quale dovrebbero farsi corrompere oppure colludere con la criminalità organizzata. Questa, mi pare, è un'anomalia tutta italiana.
Tutto ciò premesso i Finanzieri Democratici chiedono alcuni provvedimenti urgenti per limitare la corruzione o la concussione e migliorare la trasparenza:
a) L'istituzione di una Commissione Parlamentare di inchiesta sui fenomeni di corruzione che si sono verificati negli ultimi anni nell'ambito dei dipendenti del Corpo;
b) La pubblicazione annuale di tutti i redditi posseduti dagli esponenti di vertice del Corpo (generali, colonnelli, tenenti colonnelli, maggiori, capitani);
c) La sindacalizzazione, la smilitarizzazione e la regionalizzazione del Corpo, mediante le quali c'è la concreta possibilità di controllare i trasferimenti del personale e le varie assegnazioni;
d) In un’ottica di spending review, la riduzione del 60% dell’organico degli ufficiali superiori.

Luigi Rodini 12/giu/2014 | 08 :10

il male dentro...
poco oscuro, istillato da secoli a 'guida' vaticanesca.

jkern 11/giu/2014 | 21 :15

Sono probabilmente il corpo di polizia più corrotto del mondo...
... giusto a pari merito con quella russa e quelle sudamericane.

gallero 11/giu/2014 | 21 :10

rari i dissidenti
ma,secondo malelingue,pare però molto fondate,in questi corpi,come in genere nel pubblico impiego(ma non sono esenti,assolutamente,gli impieghi privati) ,dei cd servitori dello..Stato,(sbagliato,quindi indicare le sole fiamme gialle) non si viene neppure assunti (altro che trasferimenti),men che meno si fa carriera,se non si dispone di un protettore\raccomandante ,che in seguito bisogna ringraziare,e continuare aringraziare,pena la perdita del protettore,ed in genere il protettore è un politico ,o un vip che campa di luce riflessa da un politico,che campa di consenso,quindi ha bisogno di tanti soldi per mantener il consenso,quindi il potere,nonchè di privilegi e favori ,legali ed illegali,da spargere nelle più varie situazioni;vedi concorso per 200 posti di notaio a Roma 3 anni fa,i candidati si accorsero di brogli,chiesero alla Commissione di vigilanza di sospendere la prova scritta,invano:tutto regolare,dovettero fare fracasso,intervenne la polizia,si sospese per motivi di ordine pubblico,non per i brogli,1 anno dopo concorso per avvocato dello Stato,150 posti,idem;ciò che espone di più la gdf è l'ingerenza enorme del fisco e dello Stato nell'economia,nelle famiglie,nelle transazioni nazionali ed internazionali..

Alessandromagno 11/giu/2014 | 20 :37

Cari Generali e Colonnelli della G. di Finanza . . qual è il problema ?
Non vedo il motivo per sentirvi mortificati . .fra non molto " come il Generale Speciale " entrerete a far parte della grande famiglia di Forza Italia ! Orsù . ..un pò di ottimismo perdinci !

Per scrivere un commento è necessario registrarsi oppure accedere con Twitter o Facebook: Loggati - Registrati

Dalla nostra HomePage
Brexit, i rappresentanti Uk sgraditi a Bruxelles

Londra temporeggia, ma Juncker vuole il divorzio rapido. Così i gli esponenti britannici dell'Ue si sentono di troppo. E arrivano le prime dimissioni.

prev
next