TRANSIZIONE

Libia, 12 morti e 35 feriti nei combattimenti

Gli scontri tra clan sono avvenuti a Kufra, nel sud est del Paese.

di

|

21 Aprile 2012

Ancora spari e morti in Libia, nonostante la guerra sia finita da mesi. Nella notte tra il 20 e il 21 aprile, 12 combattenti sono rimasti senza vita sul campo a Kufra, nel sud est del Paese,  in uno scontro a fuoco tra la tribù dei Tibu e una brigata dell'esercito.
Fonti mediche di una clinica locale hanno riferito che la maggior parte dei feriti sarebbero gravi.
«Dodici persone sono state uccise e 35 ferite» ha dichiarato Issa Abdelmajid Mansour, uno dei capi Tibu, che ha accusato l'esercito di pulizia etnica nella città di Kufra. «Gli attacchi contro le zone Tibu sono iniziati attorno alle 14.00 del 20 aprile e sono continuati fino oltre le 19.00 del giorno dopo», ha dichiarato un altro capo tribale, precisando che «una dozzina di case sono state incendiate».
Lo scorso febbraio, nella stessa regione , i Tibu si erano scontrati con un altro clan, gli Zwei, e durante i combattimenti erano morte un centinaio di persone. Qualche settimana, il governo transitorio di Tripoli aveva inviato una brigata di ex ribelli di Bengasi, per sedare gli scontri.
IL CONTENZIOSO SU SAIF GHEDDAFI. Nella stessa giornata, le autorità libiche hanno comunicato al procuratore della Corte penale internazionale dell'Aja Luis Moreno Ocampo di aver raccolto prove certe contro Saif al Islam Gheddafi, catturato e imprigionato a Zintan dagli insorti, nello scorso novembre.
Una mossa con cui il governo punta a  far autorizzare il processo in Libia del delfino dell'ex rais, al centro di un contenzioso tra le autorità giudiziarie libiche e la Corte dell'Aja. Contro Saif pende un mandato di cattura internazionale, per crimini contro l'umanità commessi durante la guerra civile.

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Nessun commento

Per scrivere un commento è necessario registrarsi oppure accedere con Twitter o Facebook: Loggati - Registrati

Le TOP 5 di oggi
1. MURO CROLLATO Cuba-Usa, il ruolo del Vaticano nei negoziati 2. GIUSTIZIA Delitto Garlasco, Stasi condannato nell'Appello bis 3. DIPLOMAZIA Marò, il governo sfida l'India 4. INCIDENTE Taranto, pullman contro autogru: decine di feriti 5. PREVISIONI Confindustria: «La ripresa arriverà nel 2015»
Dalla nostra HomePage
L43 Twitter
prev
next