IL CONFLITTO

Mali, Timbuctu violentata

I jihadisti bruciano la storica biblioteca.

28 Gennaio 2013

La battaglia per Timbuctu è stata vinta dagli eserciti di Mali e Francia. Ma a un caro prezzo, almeno dal punto di vista culturale.
Il 28 gennaio i jihadisti che occupavano la città-patrimonio dell'Unesco hanno scatenato la loro rabbia per la sconfitta contro la storica biblioteca locale, dove sono custoditi migliaia di rarissimi manoscritti (non solo di carattere religioso, ma anche scientifico) dal valore inestimabile.
Sono andati irrimediabilmente distrutti antichissimi documenti, dai trattati di astronomia ad altri che onoravano le parole del Profeta.
Si tratta dell'ennesimo scempio dopo quello dei mesi scorsi, con la distruzione di mausolei, dei santuari e le tombe dei teologi sufi, una corrente dell'Islam considerata dai jihadisti troppo moderata. (guarda le foto).
HOLLANDE: «STIAMO VINCENDO». Sul campo, la città è ormai completamente controllata da francesi e maliani la cui avanzata non sembra trovare ostacoli.
«Stiamo vincendo la battaglia», ha annunciato il presidente francese François Hollande, confermando la riconquista di Gao e Timbuctu.
I TUAREG PRENDONO KIDAL. Anche la città di Kidal (roccaforte di Ansar Dine) è caduta, ma nelle mani dei tuareg del Movimento nazionale di liberazione dell'Azawad (Mnla).
Questi ultimi sono rimasti sinora fuori dalla partita ma adesso potrebbero cercare di sedersi almeno a un tavolo di trattativa.
A Gao intanto è caccia agli jihadisti che si sono nascosti nella città. Francesi e maliani stanno ottenendo l'aiuto dei giovani della città - cui gli islamisti avevano imposto una disciplina durissima - che li stanno conducendo nelle case dove gli integralisti che non sono riusciti a fuggire si sono rintanati, con le conseguenze pratiche che questo può significare.
ITALIA, MANCATO SUPPORTO LOGISTICO. Giornata importante anche sul piano politico, anche se con qualche ombra.
In Italia è polemica sui modi e sugli ostacoli per fornire il richiesto 'supporto logistico' a Parigi, da cui è arrivato un freddo commento di soddisfazione per quello che finora è un «sostegno politico» di Roma.
L'Unione africana ha invece deliberato di contribuire alla missione internazionale con appena 50 milioni di dollari, sul costo complessivo preventivato di 460.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Nessun commento

Per scrivere un commento è necessario registrarsi oppure accedere con Twitter o Facebook: Loggati - Registrati

Le TOP 5 di oggi
1. GIUDIZIO L'Ue promuove la legge di Stabilità, ma il 2015 è a rischio 2. VOTO M5s: Pinna e Artini espulsi, bufera su Grillo 3. ALLARME Influenza, tre morti sospette: l'Aifa blocca il vaccino 4. METEO Maltempo, nubifragi e allagamenti in Toscana e Lazio 5. CRIMINALITÀ Lodi, fallisce assalto a portavalori con 5 mln di euro
Dalla nostra HomePage
L43 Twitter
prev
next