Morto Leonard Berney, il primo ufficiale che liberò Bergen Belsen

Aveva 95 anni. Nel 1945 guidò i soldati britannici dentro il lager.

08 Marzo 2016

Leonard Berney, primo ufficiale britannico che liberà Bergen Belsen.

Leonard Berney, primo ufficiale britannico che liberà Bergen Belsen.

L'inferno di Dante. Così Leonard Berney, primo ufficiale britannico durante la Seconda Guerra mondiale, descriveva il lager di Bergen Belsen in un intervista al Sunday People. L'uomo che il 15 aprile 1945 guidò i soldati di sua maestà nella liberazione del campo di concentramento tedesco si è spento l'8 marzo, a 95 anni, sull'isola caraibica di St. Vincent, dove era arrivato nel corso di un giro del mondo in barca che stava portando avanti da sei anni.
«CORPI OVUNQUE». Cercava la vita, Berney, perché aveva visto con i suoi occhi la morte e la disperazione. «Quando entrammo nel campo vedemmo corpi adagiati ai lati della strada, centania di uomini e donne emaciati dietro il filo spinato, cadaveri ammassati per terra e impilati ovunque».
Quei giorni terribili, Berney li ha raccontati in un libro pubblicato nel 2015: Liberating Belsen concentration camp.
In cinque anni, il campo di Bergen Belsen ha tenuto prigioniere 125 mila persone, 70 mila di queste sono morte. Il plotone britannico arrivò tre settimane troppo tardi per salvare Anna Frank, ma trovò altre 60 mila persone ancora vive. Tredici mila morirono nelle settimane successive alla liberazione.
VIDE SBOCCIARE UN AMORE NEL LAGER. In mezzo a tanta devastazione, Berney fu capace di rendere possibile un'incredibile storia d'amore, quella tra il soldato britannico Norma Turgel e la prigioniera ebrea polacca Gena. Norman si innamorò a prima vista di quella ragazza magrissima, ma poco dopo fu trasferito. Fu Berney, suo superiore, ad assicurarsi che la corrispondenza tra i due andasse a buon fine, una lettera dopo l'altra, permettendo ai due di continuare la loro storia per poi sposarsi alla fine della guerra e vivere insieme 50 anni fino alla morte di Norman, nel 1995.
Berney testimoniò nel processo per crimini di guerra contro il comandante del campo Josef Kramer, impiccato il 13 dicembre 1945 a Belsen.
IL FIGLIO: «HA VISSUTO UNA VITA PIENA». A confermare la sua morte è stato il figlio, John Wood: «Per quanto sia difficile per me crederlo, Devo purtroppo dirvi che il 7 marzo 2016 mio padre, Leonard Berney, di 95 anni, è morto all'improvviso e inaspettatamente per arresto cardiaco. Era un uomo generoso e molto intelligente, e ha vissuto una vita piena ed eccezionale. I suoi ultimi sei anni li ha spesi a bordo della MV The World, dove era molto felice e amato da tutta l'equipaggio».
Anche la Holocaus Memorial Foundation, «profondamente rattristata» dalla perdita, ha reso omaggio all'ex maggiore.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Nessun commento

Per scrivere un commento è necessario registrarsi oppure accedere con Twitter o Facebook: Loggati - Registrati

Dalla nostra HomePage
Obama fa un assist alla Merkel e salva Deutsche Bank

La Fed riduce a un terzo la multa di 14 miliardi comminata all'istituto tedesco. Tanto basta per allontanare lo spettro di una nuova Lehman. Almeno per ora.

prev
next