Papa Francesco: «È in corso la terza Guerra mondiale»

Il papa: «Pronto ad andare in Kurdistan».

18 Agosto 2014

Papa Francesco

(© Ansa) Papa Francesco

Non ha usato mezzi termini papa Francesco nel definire il quadro di crisi internazionali che rischia di sconvolgere il globo. Denunciando l'efferatezza delle guerre non convenzionali, Bergoglio ha parlato delle conseguenze di una vera e propria «terza Guerra mondiale, anche se a pezzi». 
Per il pontefice è stato raggiunto, «un livello di crudeltà spaventosa» di cui spesso sono vittime civili inermi, donne e bambini. «La tortura è diventata un mezzo quasi ordinario», ha aggiunto.
«IN CINA? ANCHE DOMANI». Di ritorno dal viaggio in Corea, Francesco ha poi aperto a possibili spedizioni in Cina e Kurdistan. «Se ho voglia di andare in Cina? Ma sicuro, domani», ha detto rispondendo a una domanda sui rapporti con Pechino proprio nel momento in cui l'aereo papale sorvolava la Cina. Aggiungendo poi: «Sono disposto ad andare anche in Kurdistan, c'è la possibilità».
«FERMARE AGGRESSORI, NON BOMBARDARE». Interpellato sui bombardamenti Usa in Iraq, il papa è stato altrettanto netto: «Dove c'è un'aggressione ingiusta posso solo dire che è lecito fermare l'aggressore ingiusto. E sottolineo il verbo fermare, non bombardare o fare la guerra».
«I mezzi con i quali fermare l'aggressore ingiusto», ha spiegato, «dovranno essere valutati». Papa Francesco, a bordo dell'aereo che lo riportava a Roma da Seul ha anche invitato ad «avere memoria: quante volte» - ha ammonito - «con questa scusa di fermare l'aggressore le potenze hanno fatto una vera guerra di conquista. Una sola nazione non può giudicare come si ferma un aggressore».
«TANTI, TROPPI MARTIRI».  Bergoglio ha ricordato, poi , che «dopo la seconda Guerra mondiale è nata l'idea della organizzazione delle Nazioni Unite, è là che si deve discutere: 'Come facciamo a fermarlo?'». Interpellato sulle tante vittime cristiane in Iraq, Francesco ha osservato «sì ci sono le minoranze cristiane, ci sono i martiri, ce ne sono tanti, ma qui ci sono uomini e donne, minoranze religiose e altri, e tutti sono uguali davanti a Dio. Fermare l'aggressore ingiusto» - ha spiegato il papa - «è un diritto dell'umanità, ma è anche un diritto che ha l'aggressore di essere fermato perché non faccia il male». Ha confermato, infine, il viaggio a Filadelfia di settembre 2015 e spiegato che, avendo ricevuto inviti anche dal presidente, dal parlamento americano e dal segretario dell'Onu si potrebbero visitare «forse le tre città insieme», cioè Filadelfia, Washington e New York.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

gian60 19/ago/2014 | 14 :35

sua Santità
le vie per raggiungere la santità sono infinite e nessuna di queste è facile. il nostro FRANCESCO è sulla via giusta, peccato che tutto il resto del mondo sia accecato dal potere e dall'ingordigia/avidità di pochi e influenti personaggi.
Il volto di un buono determinato che ripete ciò che ci ha insegnato Gesù senza pregiudizi e senza atteggiamenti integralisti. Peccato che uomini e donne di potere e non solo, riescano dimenticarsene t una volta usciti dalla sua casa domenicale.
E' vero... quello che gira per il mondo è una guerra mondiale modello spezzatino. Speriamo che i politici riescano almeno ad evitarne la globalizzazzione ..

Canoi 19/ago/2014 | 13 :03

Quest'uomo mi stupisce. Appena nominato, dopo il tedesco di temperamento e di cultura, mi son detto: un ignorante, grezzo, che certamente mette insieme il peggio della sua origine italiana e il peggio della sua condizione argentina-spagnolesca. Sono contento di ammettere che i miei erano pregiudizi, sbagliati e ingiusti. Disse subito: chi sono io per giudicare........? Apprezzai eppure ero convinto: non regge a lungo. Poi la Renault, l'apertura ai mussulmani e agli ebrei........abbiamo lo stesso Dio.....a tavola con gli impiegati del Vaticano....ed ora: la terza guerra mondiale.....ma a pezzi. Forse è la conferma che i latini, per dare il meglio di se, devono trovarsi dentro il disastro. Forse no, ma sembra un grande, di quelli veri.

Per scrivere un commento è necessario registrarsi oppure accedere con Twitter o Facebook: Loggati - Registrati

Dalla nostra HomePage
Elezioni Spagna, la sconfitta dei partiti del cambiamento

La Spagna resta nella palude. Podemos manca il sorpasso sul partito socialista. Mai così in crisi di consensi. Mentre il flop di Ciudadanos rafforza il Pp di Rajoy.

prev
next