Apri/chiudi Tab
Le top 10 news di oggi chiudi
Le inchieste di Lettera43 chiudi
Le grandi interviste di Lettera43 chiudi
L43 - Local L’informazione dalla tua città Invia
TUTTO ITALIA EUROPA AFRICA ASIA NORD-AMERICA SUD-AMERICA OCEANIA Login | Registrati |  Domenica, 20 Aprile 2014- 13.03

Cronaca 

Poggiomarino, donna uccisa a coltellate

Di nazionalità ucraina, si pensa sia una prostituta. Indagini in corso.

NAPOLI

È avvolta nel mistero la morte di una giovane prostituta ucraina di 23 anni, uccisa nel tardo pomeriggio dell'11 maggio alla periferia di Poggiomarino, in provincia di Napoli.
I carabinieri del nucleo investigativo di Torre Annunziata (Napoli), guidati dal maggiore Alessandro Amadei, sono al lavoro per risalire all'identità della ragazza.
Per ora si sa solo che tutti la chiamavano Erika, anche se il vero nome non è stato ancora accertato, così come l'età, visto che i militari dell'Arma sono ancora alla ricerca dei suoi documenti.
Difficile, al momento, ipotizzare il movente del delitto anche se la zona nella quale é stato trovato il cadavere della donna - via Sandro Pertini, località isolata e periferica della città - è di solito frequentata da prostitute e dai loro clienti.
Gli inquirenti, che al momento non scartano alcuna ipotesi, sono al lavoro anche per capire se la giovane fosse dedita alla prostituzione in modo continuativo: in questo caso, potrebbe avere avuto un appuntamento con il suo assassino.
COLPITA CON UN COLTELLO DA CUCINA. Di certo, la ragazza è stata assassinata con un coltello da cucina: uno, forse due, i fendenti inferti alla schiena. L'arma é stata trovata dai carabinieri conficcata nel corpo della donna. Colpi fatali, che non hanno lasciato scampo alla giovane. Ad accorgersi, per primo, del corpo privo di vita, riverso in strada, in una pozza di sangue, è stato un automobilista che transitava in via Pertini. Immediata la telefonata ai carabinieri della stazione di Poggiomarino (Napoli).
I militari hanno transennato la zona ed eseguito alcuni controlli, nella speranza di poter trovare qualche elemento utile per le indagini. Istituiti anche dei posti di blocco che, però, non hanno ancora dato frutti. Sul posto si è recato anche il medico legale incaricato per i primi esami esterni sul cadavere, anche se maggiori elementi, soprattutto sulle ragioni della morte e l'ora del decesso, potranno giungere solo dall'autopsia che sarà eseguita nei prossimi giorni.

Sabato, 11 Maggio 2013


Nessun commento

Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere con Twitter o Facebook: Loggati - Registrati

L’informazione dalla tua città
Invia