Porta un maialino in studio, Luciana Littizzetto indagata

Porcellino ospite in studio a Che tempo che fa. Parte la denuncia degli Animalisti italiani.

21 Ottobre 2014

Luciana Littizzetto.

Luciana Littizzetto.

Un maialino che potrebbe costare caro a Luciana Littizzetto. Nella puntata di Che tempo che fa dell'8 dicembre 2013, la conduttrice era entrata in studio con un maialino, visto che il tema della serata era la decisione della Consulta di dichiarare incostituzionale il Porcellum.
Sono bastati due minuti di diretta per mettere Littizzetto nei guai. Infatti è stata iscritta nel registro degli indagati e l'ipotesi di reato è maltrattamento di animali. A denunciare la comica, come ha riportato Repubblica, è stata l'associazione romana 'Animalisti italiani' che ha presentato un esposto alla procura di Milano, la quale ha poi aperto un fascicolo.
«ANIMALE TERRORIZZATO». «Sono un estimatore di Fabio Fazio e della Littizzetto, per questo mi è capitato di vedere quella puntata», ha spiegato il presidente della onlus al quotidiano diretto da Ezio Mauro Walter Caporale, per vent'anni consigliere regionale dei Verdi in Abruzzo. «Nonostante il carrello fosse aperto il maiale non scappava, restava immobile, terrorizzato, come fosse anestetizzato».
Animalisti italiani tra le sue battaglie rivendica quella per sostituire le pellicce di ermellino con materiale sintetico all'inaugurazione dell'anno giudiziario.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Mario Berto 21/ott/2014 | 13 :38

Litizzetto e il maialino
Di questo passo, per fare una carezza ad un animale si dovrà chiedere il permesso alle associazioni animalisti. No, ma dove sta il buon senso? Perchè non denunciare tutti coloro che tengono un cane in appartamento? Coloro che tengono il canarino in gabbia? Tutti gli zoo del mondo, tutti i circhi, tutti quelli che tengono il cane al guinzaglio. Che scemata!

Per scrivere un commento è necessario registrarsi oppure accedere con Twitter o Facebook: Loggati - Registrati

Dalla nostra HomePage
Banche, industria e consumi: l'Italia saluta la ripresa

Il Paese rischia di chiudere male il 2016. Pil a +0,8%. Domanda interna bloccata. Ordini e importazioni in calo. E così si complica il lavoro di Padoan in Europa.

Terrore, la narcosi della coscienza ci può salvare

Nizza, Monaco, Rouen: ci abitueremo al male. E l'ossessiva ricerca di soluzioni risulta ripetitiva e inefficace. Successe già negli Anni 70. L'analisi di Lia Celi.

prev
next