Salah Abdeslam, l'interrogatorio della polizia belga

La versione del terrorista: «Dovevo farmi esplodere allo stadio, poi ci ho ripensato». Collabora ma si oppone all'estradizione.

19 Marzo 2016

Voleva farsi esplodere allo Stade de France, poi ci ha ripensato. Parola di Salah Abdeslam, interrogato dagli inquirenti belgi il giorno dopo la cattura a Bruxelles dell'uomo più ricercato d'Europa.
Il procuratore di Parigi, François Molins, ha tuttavia aggiunto che queste dichiarazioni vanno prese con estrema cautela. È infatti necessario interrogarsi sulla successiva presenza del sospetto nel 18esimo arrondissement di Parigi, ai piedi di Montmartre e della basilica del Sacro Cuore, dove l'Isis ha poi rivendicato l'attentato mai portato a termine.
«Salah si opporrà alla richiesta di estradizione in Francia», ha affermato il suo avvocato, Sven Mary, precisando che il suo assistito «collaborerà con la giustizia belga».
Abdeslam e Amine Choukri sono stati trasferiti al mattino negli uffici della polizia federale a Bruxelles, in avenue de la Couronne, dove sono stati interrogati dagli inquirenti (guarda le foto).
«HA SPIEGATO PERCHÉ NON SI È FATTO SALTARE IN ARIA». Salah «ha spiegato al giudice perché non si è fatto saltare per aria a Parigi», hanno detto gli investigatori  parlando alla stampa dopo l'interrogatorio. «Non dirò altro per il momento» - hanno aggiunto - «perché è troppo presto. In ogni caso, non è rimasto in silenzio di fronte al giudice e ha ammesso di trovarsi a Parigi la sera degli attentati». Quello che per quattro mesi è stato l'uomo più ricercato d'Europa è incriminato per «stragi terroristiche e partecipazione alle attività di un gruppo terroristico».
ESTRADIZIONE IMMINENTE. Il Belgio «farà in modo di rispondere più favorevolmente possibile» alla richiesta di estradizione in Francia di Salah Abdeslam», ha detto il ministro degli Esteri belga, Didier Reynders, intervistato da Bfm-tv. «Faremo in modo di rispondere a questa richiesta il più favorevolmente possibile in virtù degli accordi internazionali», ha spiegato Reynders, evocando un possibile arrivo di Abdeslam a Parigi «nelle prossime settimane».

 

  • Il video del blitz che ha portato all'arretso di Salah Abdeslam. Non è noto se l'uomo nel filmato sia Salah o il complice Amine Choukri.

 

CONSIGLIO ANTITERRORISMO A PARIGI. «Fare il punto sulle operazioni e sulla lotta contro le filiere del terrorismo in Francia e in Europa dopo l'arresto di Salah Abdeslam e di diversi suoi complici»: questo l'obiettivo del Consiglio di difesa riunito all'Eliseo con il presidente François Hollande, il premier Manuel Valls, il ministro dell'Interno Bernard Cazeneuve, quello della Difesa, Jean-Yves Le Drian, della Giustizia, Jean-Jacques Urvoas e degli Esteri Jean-Marc Ayrault. Alla riunione anche presenti il capo di Stato maggiore dell'esercito francese, Pierre de Villiers e i vertici dei principali servizi di intelligence e sicurezza.
RENZI: «NON ABBASSARE LA GUARDIA». «La polizia belga ha arrestato ieri Salah. Sono contento. Penso alle famiglie delle vittime, cominciando da quella di Valeria Solesin», ha scritto il premier Matteo Renzi nella tradizionale enews. «Tutto risolto, dunque? Ovviamente no. La minaccia terroristica esiste e resiste dappertutto, anche in Europa, anche in Italia. Dunque è fondamentale non abbassare la guardia, investendo sugli strumenti tecnologici, sulla sicurezza, sulle forze di polizia».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Nessun commento

Per scrivere un commento è necessario registrarsi oppure accedere con Twitter o Facebook: Loggati - Registrati

Dalla nostra HomePage
Rouen, Augé: «Vi spiego la trappola simbolica dell'Isis»

Primo attacco a una chiesa. Dopo Charlie, Parigi e Nizza è una svolta simbolica. Augé: «I terroristi non riconoscono l'Europa laica, così ci fanno tornare indietro».

Mediaset, ora Berlusconi teme la scalata di Bolloré

Rottura tra il Biscione e Vivendi. Il Cavaliere sospetta una manovra dei francesi. Che sfrutterebbero la debolezza del titolo. Fermandosi prima della soglia Opa.

Napoli, il 'traditore' Higuain e quel coro ormai da ripudiare

Il Pipita va alla Juve. Napoli cancella il ritornello trash da stadio. Che il bomber cantava sotto la curva. Tornerà Ohi vita ohi vita mia? Storia di una disillusione.

Rouen, moschea salafita accanto alla chiesa

Il terrorista che ha sgozzato padre Hamel si sarebbe radicalizzato in rue Guynemer. La stessa via della parrocchia presa d'assalto. Le prime indagini a Saint-Etienne-du-Rouvray dopo la strage al Bataclan.

prev
next