Terrorismo, aereo Egypt Air dirottato su Cipro

Uomo devia a Larnaca volo per Il Cairo. La resa dopo sei ore. Liberi i passeggeri. Mistero sul movente: l'ex moglie o il rilascio di prigioniere egiziane? Le foto.

29 Marzo 2016

Ha detto di indossare una cintura esplosiva, che poi si è rivelata non essere tale, e ha minacciato tutti. I 56 passeggeri e i gli otto membri dell'equipaggio dell'airbus Ms181 dell'Egypt Air partito da Alessandria d'Egitto alla volta del Cairo e dirottato su Larnaca (Cipro).
ARRESTATO DOPO LA RESA. L'uomo, che si è arreso dopo sei ore di trattative ed è stato arrestato, è stato identificato nell'egiziano Seif Eldin Mustafa: a renderlo noto il ministero degli Esteri di Cipro, spiegando che non si tratta di un terrorista dell'Isis (guarda le foto). 
Mustafa, che avrebbe chiesto l'asilo politico a Cipro, voleva essere portato a Istanbul, ma si sarebbe ritrovato a Larnaca a causa dello scarso carburante.
In un primo momento era stato identificato in Ibrahim Samaha, 27enne egiziano con passaporto americano, professore di medicina veterinaria ad Alessandria e studente di medicina ad Atlanta. Ma l'uomo ha parlato ai media dicendo di essere solo un passeggero. 
MOGLIE IN AEROPORTO. Secondo le prime ricostruzioni, l'uomo avrebbe fatto di tutto per parlare con l'ex moglie cipriota, Marina Parashkou. Alcuni testimoni avrebbero anche detto di aver visto l'uomo gettare fuori dal velivolo una lettera scritta in arabo, indirizzata proprio alla donna, che si è poi recata, scortata, all'aeroporto per partecipare ai negoziati.
NESSUN ESPLOSIVO A BORDO. Successivamente l'emittente statale cipriota ha diffuso una versione secondo cui il dirottatore avrebbe chiesto il rilascio di prigioniere in Egitto.
Sono state ore di paura per i passeggeri, prima che si scoprisse il bluff: nessun esplosivo a bordo, nessun intento jihadista. Solo la disperazione di un uomo che, una volta giunto in aeroporto, ha liberato quasi tutti i passeggeri, chiedendo che la polizia si allontanasse e reclamando l'asilo politico a Cipro.
A BORDO ANCHE UN ITALIANO. Il velivolo è atterrato e le persone sono state fatte scendere, cominciando da donne e bambini. Tra gli 81 passeggeri a bordo, c'erano anche degli stranieri: l'italiano Andrea Bianchetti, quattro olandesi, otto americani, due belgi, quattro britannici, un francese, un siriano come anche i membri dell'equipaggio formato da 15 persone e un membro della sicurezza. Cinque i passeggeri tenuti in ostaggio, con tre componenti dell'equipaggio. Anche l'italiano, in un primo momento, era rimasto prigioniero, ma la Farnesina ha annunciato il suo rilascio. Altri cinque uomini hanno abbandonato l'aereo, quattro dalla scaletta, uno calandosi dalla cabina di pilotaggio.

 

 

Secco il commento di un funzionario del ministero degli Esteri egiziano: «Non è un terrorista, ma un idiota». Una posizione rivista successivamente, se è vero che i toni delle autorità del Cairo si sono fatti più cauti e preoccupati: «Non ha nulla con sé, salvo quella che chiama una cintura esplosiva e non si sa al momento se è una vera cintura esplosiva o una falsa», ha detto in conferenza stampa il ministro dell'Aviazione civile egiziana Sherif Fathy affermando che comunque si agisce «come se la cintura fosse vera per non mettere in pericolo la vita dei passeggeri».
«NON SAPEVAMO CHE STAVA SUCCEDENDO». Intanto Ibrahim Samaha, l'uomo erronamente identificato come il dirottatore, ha parlato ai media: «Non sapevamo cosa stesse succedendo», ha detto. «Siamo saliti sull'aereo e siamo rimasti sorpresi quando i membri dell'equipaggio hanno cominciato a prenderci tutti i passaporti, che è inconsueto per un volo interno. Dopo un po' ci siamo resi conto che stavamo salendo di altitudine. A quel punto sapevano che ci stavamo dirigendo verso Cipro. All'inizio l'equipaggio ci ha detto che c'era un problema con l'aereo, solo più tardi abbiamo appreso che l'aereo era stato dirottato».

 

  

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Canoi 29/mar/2016 | 09 :29

Al di la della notizia abbiamo una dimostrazione concreta di come cambia il giornalismo. Fino a questo momento ho più di 100 tweet.

Per scrivere un commento è necessario registrarsi oppure accedere con Twitter o Facebook: Loggati - Registrati

Dalla nostra HomePage
Amatrice città fantasma, non è rimasto nulla

Nuove scosse e cedimenti. Vie d'accesso chiuse. Amatrice è sempre più isolata. Il sindaco: «Bisogna radere tutto al suolo». E i morti continuano a salire. Foto.

prev
next