Terrorismo: sei arresti a Bruxelles, siriano ricercato a Parigi

Nuova operazione in corso a Schaerbeek: un uomo è stato «neutralizzato». Si tratta del quartiere dove è stato scoperto il covo dei fratelli El Bakraoui.

25 Marzo 2016

Naïm Al Hamed, siriano di 28 anni, è ricercato assieme a Mohamed Abrini.

Naïm Al Hamed, siriano di 28 anni, è ricercato assieme a Mohamed Abrini.

Una nuova operazione delle unità speciali delle forza di sicurezza belghe è in corso nel quartiere di Schaerbeek a Bruxelles, lo stesso in cui è stato individuato il covo dei fratelli Khalid e Brahim El Bakraoui. È stata udita un'esplosione e un uomo sarebbe stato «neutralizzato», come riportano i medi locali.
Nella notte tra giovedì 24 e venerdì 25 marzo, sempre nella stesso quartiere, sono state arrestate sei persone. Nessun dettaglio sulla loro identità, né su un loro eventuale collegamento con gli attacchi del 22 marzo, è finora trapelato dagli inquirenti.
CACCIA ALL'UOMO COL CAPPELLO. Sempre in fuga e non identificato l'uomo col cappello, ripreso dalle telecamere di sicurezza dell'aeroporto di Zaventem accanto ai due kamikaze. Nella capitale belga c'è anche un secondo ricercato: l'uomo che si trovava con Khalid El Bakraoui, il kamikaze che si è fatto esplodere nella metropolitana. È stato intercettato dalle telecamere: nelle immagini trasporta una grossa borsa. La sua identità è ancora sconosciuta e non si sa se sia morto nell'attentato o se sia in fuga.
NAIM AL HAMED A PIEDE LIBERO. Nel frattempo un altro sospetto è stato arrestato in Francia, nei pressi di Parigi, accusato di star progettando un nuovo attentato. Il ministro dell'Interno, Bernard Cazeneuve, ha detto che si tratta di un cittadino francese e che la progettazione dell'attacco era già in una «fase avanzata». Sempre nella notte di giovedì 24 marzo, la polizia francese ha lanciato un'operazione anti-terrorismo ad Argenteuil, a nordovest della capitale.
Mentre venerdì 25, per le strade di Parigi e Bruxelles, è tornata la paura: c'è un nuovo ricercato, un siriano di 28 anni nato ad Hama, Naim Al Hamed, considerato «estremamente pericoloso e forse armato». Era stato segnalato assieme di Mohamed Abrini, sospettato di aver preso parte agli attentati del 13 novembre, e a Najim Laachraoui, l'artificiere del gruppo, morto suicida all'aeroporto di Bruxelles. I servizi anti-terrorismo occidentali hanno ricevuto un elenco di cinque individui, che potrebbero essere coinvolti nelle stragi compiute dall'Isis in Europa. Quattro nomi erano già noti. Il quinto, quello di Naim Al Hamed per l'appunto, è apparso per la prima volta.
LISTA DI SOSPETTI PASSATA AGLI SPAGNOLI. La lista, secondo la stampa spagnola, è stata fornita dalle autorità francesi anche a quelle di Madrid il 22 marzo. Ed è stata diffusa a tutte le unità di polizia in servizio alla frontiera tra i due Paesi. Nell'elenco, oltre a Naim Al Hamed e Mohamed Abrini, comparivano anche Naijm Laachraoui e i due fratelli Ibrahim e Khalid El Bakraoui, autori materiali degli attentati di Bruxelles.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Nessun commento

Per scrivere un commento è necessario registrarsi oppure accedere con Twitter o Facebook: Loggati - Registrati

Dalla nostra HomePage
Albert Rivera e Pablo Iglesias.
Elezioni Spagna, la sconfitta dei partiti …

La Spagna resta nella palude. Podemos manca il sorpasso sul partito socialista. Mai così in crisi di consensi. Mentre il flop di Ciudadanos rafforza il Pp di Rajoy.

prev
next